• Notizia
  • Nazionale

Volevano far saltare il Ponte di Rialto a Venezia. Sgominata cellula jihadista

L'operazione è stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo di Venezia. "È una notizia che dà fiducia e fa in modo che i cittadini non si sentano soli; percepiamo la città più sicura, tanto per chi vive in essa quanto per chi vi lavora e i turisti che, ogni giorno, l'affollano", e questo quanto dichiarato da Francesco Moraglia nella giornata di ieri, intervistato subito dopo la diffusione della notizia dell'arresto dei tre kosovari. 12 secondi dal momento in cui le forze speciali sono entrate negli alloggi, in centro storico a Venezia, tra cui uno zona Fenice, tra sestiere san marco e castello, a quando i sospetti sono stati bloccati. Il capo di imputazione fa venire i brividi: "Facevano apologia del martirio e degli attentati contro gli occidentali - si legge nell'ordinanza del gip del Tribunale di Venezia, Alberto Scaramuzza - in particolare quello da ultimo perpretato a Londra il 22 marzo, ipotizzando la commissione di uno anche a Venezia, mediante una bomba da far esplodere a Rialto". Ed è il procuratore Adelchi D'Ippolito a illustrare l'indagine che ha richiesto molti mesi di lavoro e una certosina opera di controlli incrociati. Le frasi intercettate ma soprattutto il rientro di un componente del gruppo dalla Siria, ha fatto scattare il campanello d'allarme. Secondo la magistratura le intercettazioni rivelano che i quattro kosovari, tre arrestati e un minore fermato, erano impegnati "in una vera e propria attività di autoaddestramento al fine di prepararsi a compiere attività criminali e attentati da un lato attraverso esercizi fisici e dall'altro esaminando video dei fondamentalisti dell'Isis che spiegavano l'uso del coltello, come si uccide con un coltello".

A Venezia è stata sgominata una cellula jihadista.

Se adesso si apre anche la fase dell'analisi del materiale sequestrato in casa degli arrestati e degli indagati - trovate pistole che non si sa se giocattolo o meno - immediata è scattata la polemica politica con il leader della Lega Matteo Salvini convinto che è "necessario blindare i confini del Paese, sigillarli e controllare chi entra e chi esce perchè domani potrebbe essere troppo tardi", al quale ha risposto il presidente dei deputati del Pd, Ettore Rosato, secondo il quale Salvini non dovrebbe "strumentalizzare alimentando timori e paure sperando in qualche consenso in più". Nelle operazioni sono intervenuti anche i reparti speciali di Polizia e Carabinieri, i Nocs e i Gis.

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

Omicidio Alatri, Castagnacci nega tutto al Pm: non ho fatto nulla

Castagnacci è stato interrogato ieri per 5 ore dal procuratore capo di Frosinone, Giuseppe De Falco ed negato ogni responsabilità. L'attività dei poliziotti ha interessato il centro cittadino e la frazione di Tecchiena, dove viveva Emanuele .

Un Posto al Sole, le prime anticipazioni delle puntate di aprile

Infine, il viaggio di nozze di Ferri si concluderà e l'uomo farà ritorno a Palazzo Palladini , pretendendo di sistemare immediatamente alcune cose...

Power Rangers: la prima clip del film di Dean Israelite

In particolare sembra che la produzione abbia l'idea di dar seguito alla pellicola con altri cinque film per un totale di sei.

Banda specializzata in truffe a soggetti deboli: 4 arrestati, 25 indagati

Il fenomeno delle truffe alle persone appartenenti a fasce deboli è "gigantesco" e che sono in corso altri procedimenti.

Bigben lancia custodie ufficiali per Nintendo Switch, nel segno di Zelda

Fortunatamente qualcuno ha deciso di esaudire il vostro desiderio. Stando a quanto dichiarato dall'ex CEO di Cyanogen Inc .

Alatri, interrogati i due fratelli. Mario nega: "Io non c'entro niente"

Le attività di domani si terranno per rogatoria, poiché i due ragazzi sono stati fermati nella capitale. E' rimasto invece in silenzio l'altro indagato Paolo Palmisani .

Serie B Frosinone, Marino: "A Cesena sarà dura"

La formazione? Sicuramente ci sarà qualche cambio. "A parte Matteo Ciofani gli altri sono a disposizione". Cocco? Gioca per il Cesena e farà di tutto per farsi rimpiangere dal Frosinone .

Rifiuta il velo, rasata a zero dalla madre

L'adolescente era una vittima nelle mani della madre , insultata ed apostrofata in modo brutale ogni giorno. La preside dell'istituto ha quindi informato i carabinieri.

Andrea Dini, morto il 16enne dopo incidente su pista motocross

Verso le 17 di ieri, 30 marzo, è stata dichiarata la morte cerebrale del giovane. La famiglia avrebbe dato il nulla osta per l'espianto degli organi.

Aifa, ok Regioni a Vella presidente: "personaggio alto profilo"

La ratifica della nomina e' all'ordine del giorno della Conferenza Stato-Regioni convocata per giovedi' 30 marzo, alle ore 15.45. Considero questo incarico un grande onore e farò di tutto per averlo meritato quando sarà tempo di bilanci.