• Notizia
  • Finanza

Mediaset: in 2016 megaperdita di 294 mln

Mediaset: in 2016 megaperdita di 294 mln

Il Consiglio di Amministrazione di Mediaset, riunitosi oggi sotto la Presidenza di Fedele Confalonieri, ha esaminato il bilancio consolidato del Gruppo Mediaset al 31 dicembre 2016 e approvato il progetto di bilancio della capogruppo Mediaset S.p.A. Prima di esaminare i risultati del 2016 - esercizio che al di là della perdurante incertezza del quadro macroeconomico è stato radicalmente alterato dai gravi danni provocati sulle attività italiane del Gruppo dalle violazioni contrattuali di Vivendi - il Consiglio ha verificato con la massima attenzione gli aggiornamenti delle azioni di sviluppo per il futuro della Società.

Una vicenda "che impatta solo sulle attività italiane (-380,1 milioni di euro di risultato netto rispetto ai -74,6 milioni del precedente esercizio)". Il Cda di oggi infatti ha riesaminato gli obiettivi del Piano presentato il 18 gennaio che prevedono una crescita al 2020 della quota di mercato nazionale pubblicitario Mediaset dal 37,4% al 39% e un miglioramento dell'Ebit delle attività media in Italia pari a 468 milioni di euro.

L'Ebit consolidato è negativo per 189,2 milioni di euro rispetto ai +230,7 milioni del 2015.

In Spagna i ricavi pubblicitari lordi si sono attestati a 962,9 milioni rispetto ai 933,3 milioni del 2015. "La somma di queste poste - aggiunge la nota - non ricorrenti imputabili alle infrazioni di Vivendi porta gli oneri straordinari a un totale di 341,3 milioni di euro". Anche la capogruppo Mediaset ha risentito degli oneri straordinari generati dal caso Vivendi e chiude l'esercizio 2016 con una perdita di 151 milioni rispetto all'utile di 50,4 milioni del 2015. In incremento anche in Spagna con 992 milioni rispetto ai 971,9 milioni del 2015 (+2,1%).

A questo proposito Mediaset segnala che la crescita dei ricavi Premium è proceduta con buon ritmo (+16,7%) nei primi sei mesi dell'esercizio per poi rallentare nel secondo semestre caratterizzato dalle turbolenze legate al contenzioso con Vivendi. "In particolare, nel terzo trimestre (luglio-agosto-settembre) che abitualmente rappresenta il picco stagionale di vendite di abbonamenti legati ai grandi eventi calcistici come la Serie A e la Champions League in esclusiva, la crescita risulta addirittura frenata al +5,8%". L'indebitamento finanziario netto è passato da 859,4 a 1.162,4 milioni. Si aggiungonole uscite per complessivi 106,1 milioni connesse alla distribuzione di dividendi da parte di Mediaset e Mediaset España. Tale andamento "dovrebbe proseguire anche nella restante parte dell'esercizio, pur in un contesto economico che anche nel 2017 sarà probabilmente caratterizzato da una stima di crescita ancora moderata sia in Italia che in Spagna", spiegano da Mediaset. Nel corso del'esercizio "saranno avviate le principali azioni previste dalle linee guida del Piano Mediaset 2020 e si consolideranno gli impatti positivi derivanti dal consolidamento delle attività del comparto radiofonico". Mediaset si aspetta "sia nel primo trimestre che su base annua un risultato operativo e un risultato netto consolidato positivi".

Bilancio in rosso per Mediaset nel 2016. Lo ha detto, nel corso della conference call agli analisti, il Direttore Generale Marketing e Operations di Publitalia Matteo Cardani.

Sul fronte dei ricavi pubblicitari, nel primo trimestre 2017 Mediaset ha registrato una crescita del 2,4% rispetto al primo trimestre 2016.

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

Evasione fiscale: chiesto il rinvio a giudizio di Gigi D'Alessio

Per gli investigatori così le "scritture" sarebbero state "distrutte o comunque occultate". Il tutto per non consentire la ricostruzione del volume d'affari della società.

I tifosi lo chiedono a Spalletti: "Firma e crediamoci ancora"

Impegnata a difendere il secondo posto in campionato dalle grinfie del Napoli , la permanenza di Spalletti è agli sgoccioli. Quel trofeo tanto invocato da Spalletti a durante la stagione, quel trofeo senza il quale Lucio lascerà Trigoria .

Prey: un video per Talos I

Fin dall'inizio, potrete esplorare tutta la stazione nell'ordine che preferite. Gli alieni sono sfuggiti al contenimento e hanno invaso la stazione spaziale.

Alfano presenta Alternativa Popolare: "Opposti a chi ci vuole via dall'Ue"

Non tutte le imprese si rivolgono alla Farnesina e dunque siamo qui a dire che siamo pronti a fare di piu'. "Abbiamo pronto un piano, una cabina di regia che si occupa di internazionalizzazione".

Consip: Csm nessuna pratica su inchiesta

Gli inquirenti potrebbero nei prossimi giorni tornare in Consip per completare l'atto istruttorio e acquisire ulteriore documentazione.

Masterchef: la chef Antonia Klugmann sostituirà Carlo Cracco

Un incidente stradale la mette però fuori gioco e le costa un anno di stop e di lontananza obbligata dai fornelli. Nel 2014 ha aperto L'argine, a Vencò ( Gorizia ), e nel 2015 ha conquistato la sua prima stella Michelin .

Operaio di 20 anni muore schiacciato dal macchinario

I tecnici dell'Ausl, insieme alla procura, dovranno stabilire se siano o meno state adottate tutte le misure di sicurezza. L'infortunio mortale si è verificato nella zona industriale di Mancasale , in via Napoli .

Il 25 aprile la cerimonia a Cavalcaselle per la Festa della Liberazione

Martedì 25 aprile 7° edizione di Resistenti, festival non solo musicale dalle 15 alle 20 al Centro Giovani Panarock. Verdi di Spilamberto, Gruppo Alpini e la partecipazione dei ragazzi dell'Istituto Comprensivo Fabriani.

Bologna si mobilita per Gabriele Del Grande

Intanto, su Twitter, ZeroCalcare, uno dei maggiori fumettisti italiani e autore del manifesto dell'ultima edizione di Lucca Comics, ha dedicato a Gabriele un suo disegno.

Volkswagen I.D. CROZZ

Promette, anzi, un comportamento dinamico appagante, forte di una bilanciata distribuzione dei pesi tra avantreno e retrotreno. Lo spazio all'interno dell'abitacolo, stando a quanto dichiarato da Volkswagen, è paragonabile a quello della Tiguan Allspace.