• Notizia
  • Esteri

Milano: insulta militare nei pressi Stazione Centrale e scoppia bagarre

Milano: insulta militare nei pressi Stazione Centrale e scoppia bagarre

Nel tentativo di ristabilire la calma, uno dei militari è stato ferito a una mano da una bottigliata.

Folle caos verso le tre di venerdì pomeriggio in piazza Duca d'Aosta, davanti alla stazione Centrale di Milano, teatro di un incredibile parapiglia che ha coinvolto almeno un centinaio di immigrati che stazionano fuori dallo scalo ferroviario e uomini dell'arma e della polizia locale. Sul piazzale sono accorsi numerosi poliziotti e carabinieri, a presidiare l'area.

Il 25enne, che sarebbe affetto da problemi psichici, ha messo le mani al collo del militare e quindi lo ha preso a calci e pugni.

Per l'aggressione è stato fermato un africano di 25 anni, reo di essersi avvicinato con altri migranti ai militari, rivolgendo frasi minacciose e insulti e cercando di toccare la loro arma di ordinanza. A quel punto è intervenuta una pattuglia dei carabinieri che, dopo una breve colluttazione, è riuscita a far salire lo straniero sulla gazzella per portarlo in caserma e identificarlo. Secondo alcune testimonianze erano palesemente alterati, forse perché ubriachi e avrebbero anche sputato contro i militari. Il 25enne fermato, nonostante l'intervento delle forze dell'ordine, avrebbe però dato in escandescenze spaccando bottiglie per terra, fino a quando è stato immobilizzato e portato via. Nelle fasi concitate dell'arresto per resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale, un carabiniere e un militare dell'esercito sono rimasti lievemente contusi.

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

Fs, Mazzoncini: in 2016 bilancio "record", 772 milioni utile netto

I risultati sono stati presentati nel corso di una conferenza stampa nella sede del Gruppo. "Grande soddisfazione per un bilancio record".

UFFICIALE: Piero Ausilio rinnova fino al 2020

Da lì un periodo di assistente allenatore sempre nella Pro Sesto, mentre la sua carriera da dirigente sportivo inizia nel 1997. Milanese, classe 1972, Ausilio riveste l'incarico di ds e responsabile dell'area tecnica dell'Inter dal febbraio del 2014.

Condannato per abusi su figli, assolto

Per l'ex detenuto Saverio , "la giustizia comunque funziona", ma nel suo caso giustizia è stata fatta solo "in parte". Saverio De Sario è stato assolto dalla Corte d'Appello di Perugia durante la revisione del processo .

Parigi: premier tuona contro Le Pen, è senza vergogna

L' attentato influenzerà il voto, non si sa come, il commento di Berlino . Ieri Parigi "ha vissuto ancora la barbarie terroristica ".

Rai: nessun tetto per gli artisti. L'ok del Mise

Il ministero ha però invitato la Rai a dotarsi di un regolamento interno per individuare cosa sia davvero una prestazione artistica. "Ecco le ragioni della mia gratitudine", c0onclude Freccero .

Vaccinazioni obbligatorie, legittimo l'obbligo a Trieste per materne e nidi

Il Consiglio di Stato ha respinto la richiesta di sospensiva avanzata da due famiglie contro la sentenza del Tar del Friuli Venezia Giulia, che aveva confermato la validità della delibera del Consiglio Comunale di Trieste , che ha introdotto l'obbligo delle vaccinazioni per l'accesso ai nidi e alle scuole dell'infanzia comunali e convenzionate.

Incidente stradale a Roma, indagato ex calciatore calabrese Fiore per omicidio

Il 17 aprile Stefano Fiore ha compiuto 42 anni, peccato sia stato il compleanno più amaro di sempre. Le condizioni del giovane sono apparse subito gravi e sono precipitate nella notte.

Il futuro di Berardi? Carnevali fa il punto, attente Juve ed Inter…

Carnevali continua poi e avverte la concorrenza: "Sapendo qual è il volere della nostra proprietà ci piacerebbe anche tenerlo". Ecco le sue parole: "Per il Sassuolo sarebbe un onore vederlo giocare in una delle big, come Juventus, Inter e Barcellona ".

Iniesta ha la ricetta per la remuntada

Continuo a credere che il Barcellona abbia il potenziale necessario per segnare e passare il turno. E' così se si guarda a quelle che sono state le sue prestazioni e a quello che ha fatto.

Grasso: "Ancora manca la piena verità sulla strage di Portella della Ginestra"

Sappiamo che ce ne possono essere altri: vanno ricercati e resi pubblici. " Ma ci sono ancora molte zone d'ombra da esplorare ". Bisogna che chi sa qualcosa metta a disposizione la propria conoscenza.