• Notizia
  • Nazionale

Turchia, Erdogan vince il referendum. Più poteri al presidente

Turchia, Erdogan vince il referendum. Più poteri al presidente

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha proposto che sull'ipotesi di proseguire i negoziati per l'adesione all'Unione europea si indica un referendum.

Nel voto di ieri il fronte favorevole alla riforma costituzionale si è attestato al 51,36%, rispetto al 48,64% del 'no'.

Alcune previsioni saranno immediatamente operative: Erdogan potrà tornare a essere formalmente iscritto al suo partito Akp, i membri del Consiglio superiore della magistratura (Hsyk) verranno ridotti e saranno definitivamente abolite le corti militari. Il Chp ha chiesto alla Commissione elettorale suprema di cancellare per sospette irregolarità nel voto. "L'unico modo per porre fine alle discussioni sulla legittimità del voto e di tranquillizzare il popolo è che il Consiglio elettorale supremo cancelli il voto", ha detto invece il vice-leader del Chp, Bulent Tezcan, denunciando che in molti seggi, almeno per la prima mezz'ora, agli osservatori dell'opposizione non è stato permesso di assistere allo scrutinio dei voti, come previsto dalla legge. Tali modifiche entreranno in vigore nel 2019 a meno che non venga sciolto anticipatamente il parlamento.

Per l'Osce il voto "in generale, il referendum non è stato all'altezza degli standard del Consiglio d'Europa".

In una nota la missione dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa afferma che "le due parti nella campgna non hanno avuto uguali opportunità". Il presidente Erdogan celebra la vittoria, raggiunta per un soffio con poco più del 51%.

Il voto è stato anche "un chiaro segnale contro la Ue", al quale l'Europa deve rispondere a sua volta con una chiara reazione: "Occorre finalmente sincerità sui rapporti tra la Ue e la Turchia". La Germania - dove moltissimi turchi emigrati hanno votato a favore del referendum - ha chiesto ad Ankara di impegnarsi in un "dialogo rispettoso di tutte le parti politiche e civili", dopo che i risultati del referendum hanno mostrato "quanto profondamente la società turca sia divisa".

Erdogan ha sfruttato abilmente queste iniziative oggettivamente anti-democratiche, collegandole tra l'altro alle accuse che dalla scorsa estate rivolge all'Occidente di essersi immischiato nelle vicende interne turche con il fallito golpe che lo aveva quasi rimosso dal potere.

La riforma concentra il potere esecutivo interamente nelle mani del presidente, abolendo la figura del primo ministro. Lo stato di emergenza potrà durare 6 mesi - contro gli attuali 3 - e potrà essere esteso dal parlamento 4 mesi alla volta, su richiesta del presidente. Secondo le agenzie di stampa filo governative, infatti, primi a congratularsi con Erdogan per la sua vittoria sono stati, infatti, il presidente dell'Azerbaigian Ilham Aliyev, l'emiro del Qatar, il leader dell'Autorità nazionale palestinese, Mahmoud Abbas, il presidente pakistano Mamnoon Hussain e dal vice presidente iracheno Osama al-Nujaifi. Qui, i governi di vari paesi e i vertici UE hanno anche sottolineato come il margine di vantaggio del "sì" sia stato ridotto e hanno invitato perciò Erdogan a cercare il più ampio consenso possibile nell'implementare i cambiamenti alla costituzione. Grazie al successo, al contrario, il presidente turco avrà la possibilità di stabilizzare il paese con amplissimi poteri conferitigli da un processo "democratico".

Il presidente si impone. Se Erdogan, cioè, dovesse operare una nuova svolta e tornare ad allinearsi agli interessi europei e americani, soprattutto in Siria e nell'intera regione mediorientale, gli scrupoli "democratici" prodotti dal referendum costituzionale finiranno probabilmente col dissolversi in fretta.

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

Pasqua 2017, traffico autostrade: quando è meglio partire e rientrare a casa?

Il rischio code è cresciuto in particolare per l'A14 a causa del restringimento della carreggiata tra Ancona sud e Loreto. Per evitare l'incubo di trovarvi in coda non bisogna partire negli orari di punta ed evitare le vie più percorse.

Addio al Nintendo Classic Mini

Come si poteva immaginare, più che sull'utenza più giovane, Nintendo ha puntato sui giocatori più vissuti e sulla loro nostalgia . Resta da capire il motivo che ha spinto Nintendo ad una decisione simile.

Le rivelazioni di Alessia Marcuzzi: "Non sono una donna tenera"

Non ha partecipato alla grande festa dedicata a tutti i concorrenti del programma e neppure ha deciso di rilasciare interviste. Bettarini regala un momento hot.

Uccide paziente in ospedale e cerca ferire infermieri

Ora è accusato di omicidio volontario e danneggiamento aggravato; ma i carabinieri stanno ricostruendo i suoi ultimi movimenti. L'aggressore, in Italia da soli due giorni, alloggiava a Nogara e ieri aveva tentato di suicidarsi tagliandosi i polsi.

Verona, Uccide paziente in ospedale e cerca di ferire gli infermieri

Era stato così soccorso dal 118 e portato in nosocomio dove, dato lo stato di agitazione era stato necessario sedarlo. Due di loro, nella colluttazione, sono rimasti leggermente feriti: per fortuna nulla di grave.

Star Wars Battlefront 2: supporto per Scorpio, mistero su Switch

DLC ed espansioni restano comunque previsti, al momento però i piani della compagnia per quanto riguarda i contenuti aggiuntivi non sono noti.

Amici 2017, è Emma il nuovo coach della squadra bianca

Gli ospiti della serata saranno Fiorella Mannoia che canterà con la squadra bianca , e i The Kolors che canteranno con la squadra blu .

Dal mondo/Pyongyang a Trump: Pronti alla guerra

Matsegora ha osservato che il 15 aprile in Corea del Nord si celebra il Giorno del Sole, mentre il 25 aprile si celebra l'85° anniversario della fondazione dell'Esercito Popolare di Corea.

Uomini e Donne: l'attesa registrazione avverrà mercoledì 19 aprile

Gemma Galgani continua a regalare emozioni al pubblico non solo presente nello studio di Uomini e Donne ma anche a quello da casa. L'ultima confessione di Sossio Aruta ha davvero lasciato senza parole il pubblico del programma di Maria De Filippi.

Serie B, il Cittadella vince 1-0 con il Benevento

La difesa sarà poi composta da Scaglia, Varnier e Benedetti che, con il portiere Alfonso, completano il pacchetto arretrato. Cittadella (4-3-1-2): Alfonso; Pedrelli, Varnier, Pascali, Martin; Strizzolo, Iori , Valzania; Chiaretti; Kouame, Litteri .