• Notizia
  • Nazionale

"Vendevano canali Sky e Mediaset pirata". Oscurati nove portali

Erano 89 i server che alimentavano nove siti pirata che fornivano illegalmente i contenuti di Sky e Mediaset.

Le persone indagate sono due, una residente a Varese e ritenuta l'amministratore commerciale della piattaforma illegale e un'altra residente nel maceratese, sospettata invece di occuparsi della gestione tecnica dei flussi per la fruizione dei contenuti illeciti.

E' il risultato dell'operazione 'pirate on demand', nel cui ambito è stata individuata e bloccata una vasta rete telematica per l'illecita diffusione e vendita online di interi palinsesti ricorrendo alla cosiddetta iptv.

Avevano creato una vera e propria piattaforma per scaricare abusivamente o per vedere illecitamente in modalità streaming live, a prezzi stracciati, eventi sportivi, film, serie televisive e concerti trasmessi su Mediaset Premium e su Sky.

Le indagini, iniziate nel settembre 2016 e coordinate dal pm Giangiacomo Pilia, hanno interessato le piattaforme che consentivano l'accesso abusivo ai canali. Queste ultime hanno reso possibile l'identificazione dei siti Internet responsabili grazie al supporto della digital content protection e della firma presente nei propri video.

Le perquisizioni hanno portato al sequestro di computer, decoder, tessere Sky, Tvbox, PostePay utilizzate per ottenere i pagamenti dagli utenti, smartphone, router, tv encoder ed una tv kplus. Le fiamme gialle provvederanno ora a quantificare i guadagni illegalmente conseguiti, ricostruendo il giro d'affari attraverso il numero degli abbonamenti sottoscritti. È al vaglio degli inquirenti anche la posizione di coloro che hanno effettuato attivamente l'accesso alle piattaforme acquistando gli abbonamenti piratati e beneficiando, così, dell'illecito vantaggio. Secondo le più recenti stime, il solo sistema Iptv in Italia - che conta 2 milioni di fruitori - genera perdite per oltre 300 milioni di euro e ricadute negative sull'intero campo del tv entertainment.

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

Tragedia a Terracina, uomo annega per salvare il nipote

Sorte un po' meno tragica per le altre due soccorritrici, che sono state tratte in salvo . L'intervento dei tre soccorritori è stato provvidenziale per i bambini .

Ronaldo riapre all'Inter: "Ce l'ho nel cuore"

Sono curioso di vedermi ai suoi ordini. "Mi sarebbe piaciuto giocare con Maradona , ci saremmo divertiti tutti". Ma le dico anche questo: "se c'è una persona al mondo che merita di averlo fatto, quella è Zidane".

Venafro. Celestino Valentino ucciso con la soda caustica da un'infermiera

Il folle gesto sarebbe scattato per vendetta nei confronti di una collega, figlia di Celestino Valentino , il 76enne ucciso.

Calciomercato Juventus, intreccio tra Douglas Costa, Bernardeschi e Danilo: la situazione

Non appena si sbloccherà questa situazione, il terzino brasiliano partirà per l'Inghilterra a fronte di un assegno di circa 70 milioni di euro.

Fazio vicino al rinnovo in Rai: ecco quanto guadagnerà

Ma non ci si stupisca, però, se poi la Rai arriva a perdere "pezzi pregiati", punte di diamante in grado di portare ascolti. Si gettano quantità enormi di denaro per un contratto principesco.

Tennis, Maldini ko nel primo match con i professionisti

Un'esperienza comunque positiva per Maldini , che a 49 anni appena compiuti non ha ancora intenzione di rinunciare alle sue tante passioni, tra cui anche il tennis.

Rilasciati i 5 attivisti italiani fermati in Russia

Cinque attivisti italiani sono stati fermati in Russia , a Nizhny Novogorod, nel corso di una riunione con i colleghi della ong Committee Against Torture .

Germania, Merkel apre al voto di coscienza sulle nozze gay

Si tratta di un forte cambio di linea per Merkel, che nel 2013 si è detta contraria ai matrimoni omosessuali per " il benessere dei figli ".

Calciomercato Juventus: Dani Alves potrebbe lasciare dopo solo una stagione

Il motivo è evidente: i due si conoscono dai tempi del Barcellona e la stima è rimasta immutata. Dani Alves in questi giorni ha scatenato una vera e propria bufera sui social network.

Rai, Maggioni: lavoriamo come piccioni con mirino nella schiena

Secondo la presidente "questo cda non avrebbe potuto prendersi l'onere di decidere che Fazio passava alla concorrenza". Il valore di un artista su Rai1 non è lo stesso di Rai3 ", ha aggiunto Maggioni .