• Notizia
  • Esteri

Charlie, la famiglia mostra protocollo e lʼospedale riconsidera caso: "Forse giusto provare"

L'appuntamento in aula è fissato per lunedì. "Ci sono evidenze in laboratorio che il protocollo per la cura di Charlie può funzionare", hanno infatti scritto i medici del nosocomio romano. Il testo del documento, su carta intentata dell'Ospedale romano, dove sono state omesse le firme dei medici, è stato postato dalla zia del bambino sul profilo Facebook di sostegno, Charlies Army. Dal Centrafrica, a Bangui, dove il Bambino Gesù porta avanti dei progetti per l'ospedale del posto, la presidente della Fondazione, Mariella Enoc, ringrazia i ricercatori che danno ala bambino una nuova speranza, seppur "piccola": "Ringrazio molto tutte le persone che fanno ricerca, perché conosciamo bene la loro fatica e sappiamo che la loro soddisfazione non è mai economica ed è solo questa: di collaborare a salvare le vite umane". Secondo la sentenza, sarebbe nell'interesse di Charlie un'interruzione della respirazione assistita: "È legale e nell'interesse del bambino - afferma l'ospedale riportando la sentenza - che la terapia non sia somministrata, se le misure e i trattamenti adottati non sono più compatibili con la dignità del bambino". "Siamo consapevoli - concludono gli esperti - del fatto che la terapia con deossinucleotidi per il deficit RRM2B sia sperimentale e, in teoria, dovrebbe essere testata su modelli murini".

Il trattamento sperimentale per cercare di salvare la vita al piccolo Charlie Gard, elaborato da un team di medici internazionali coordinati dall'ospedale Bambino Gesù "è un tentativo da fare". "Alla luce di questi importanti nuovi risultati riguardanti la biodisponibilità dei deossinucleotidi somministrati per via esogena nel sistema nervoso centrale, chiediamo rispettosamente che questa terapia possa essere somministrata a Charlie Gard". I genitori di Charlie hanno già raccolto circa 1,7 milioni di dollari per pagare il trattamento e volare negli Stati Uniti. Il bambino statunitense aveva diciotto mesi quando, nel 2012, gli fu diagnosticata la sindrome del Dna mitocondriale. Nella discussione sono entrati anche molti giuristi, come Alberto Gambino, ordinario di diritto privato e presidente di Scienza&Vita, che in una nota spiega di aver letto il 21° statement della decisione dell'High Court of Justice nel quale si dice che "trasportare Charlie negli Usa sarebbe problematico, ma possibile"."Ciò indica che, come è tecnicamente possibile il trasferimento di Charlie negli Usa, così lo può essere anche in Italia".

Intanto Connie Yates, la mamma di Charlie, non demorde e continua sui vari media del Regno Unito a rilasciare interviste in cui sostiene che il neonato non sta soffrendo e che lei non potrebbe in nessun modo vederlo patire. La terapia non è approvata dalla FDA ma può essere richiesta e autorizzata caso per caso per ragioni umanitarie. La donna ha lanciato un appello direttamente alla premier britannica Theresa May: "Ci sostenga come stanno facendo gli altri", ha detto. Respira assistito da un ventilatore, è nutrito artificialmente e ha bisogno di assistenza 24 ore su 24.

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

PlayerUnknown's Battlegrounds, l'uscita slitta a fine anno

Adesso DayZ sta creando un nuovo engine, ed è una cosa che richiede tempo”. Posso garantirlo sei o sette mesi e siamo fuori dall'Early Access .

Emma Bonino sugli sbarchi: "Li abbiamo chiesti noi"

All'inizio, spiega sempre Bonino, rappresentante dei Radicali, "non ci siamo resi conto che era un problema strutturale e non di una sola estate".

Andreolli ad un passo dal Cagliari: ecco la situazione

Marco Andreolli è svincolato, dopo aver visto esaurirsi il suo contratto con l'Inter lo scorso 30 giugno. Nell'ultima stagione in nerazzurro, Andreolli ha trovato poco spazio con solo 6 presenze .

Germania, nuovi scontri per G20 ad Amburgo: a fuoco auto polizia

Forse questo è un linguaggio più comprensibile di quello scientifico per alcuni partecipanti al G20. E ricorda agli uomini e alle donne che guidano il mondo un tema tanto urgente quanto complicato.

Thor: Ragnarok, ecco il primo spot televisivo targato Marvel Studios

La sceneggiatura di Thor: Ragnarok è opera di Christopher Yost , Craig Kyle e Stephany Folsom . Il film uscirà nelle sale italiane il 25 ottobre .

Joan Lee, moglie di Stan Lee, si è spenta a 93 anni

La famiglia chiede il tempo per piangere questa perdita e il rispetto della privacy in questo momento difficile". I nostri pensieri e le nostre preghiere vanno a Stan e a sua figlia Joan in questo momento difficile".

Morti sospette nell'ospedale di Lugo, assolta l'ex infermiera Daniela Poggiali

La polizia penitenziaria ha preso in custodia l'imputata, facendo da 'argine' ai giornalisti che hanno tentato di avvicinarsi. La perizia disposta dalla corte d'assise d'appello di Bologna e depositata nei giorni scorsi lasciava spazio a vari dubbi.

Ornella Muti condannata a 6 mesi di reclusione: ecco cosa ha fatto

Ornella Muti non si presentò a una delle repliche, mandando un certificato medico che le diagnosticava una laringofaringite . Il caso è scoppiato il 10 dicembre del 2010.

Cars 3: una nuova generazione nel trailer ufficiale italiano

Saetta dovrà gareggiare nella Piston Cup e dimostrare a tutti che ha ancora la stoffa del campione. Si vede subito che raggiungono grandi velocità senza alcuno sforzo.

Hamsik: "Crediamo tutti allo scudetto. Juve? Noi siamo diversi perché…"

Sul mercato. " La società è stata brava nel confermare il gruppo dello scorso anno , tenere tutti i campioni". Per adesso non è andato via nessuno ed è la conferma che questa squadra vuole arrivare al vertice.