• Notizia
  • Finanza

Vacchi,debiti 10 milioni Bpm pignora ville e navi

Vacchi,debiti 10 milioni Bpm pignora ville e navi

L'istituto si è così preso yacht, ville, titoli azionari e quote del golf club Casalunga di Castenaso.

A darne conto sono i quotidiani del gruppo Riffeser (Giorno, Nazione, Resto del Carlino), che ricostruiscono in un lungo articolo i guai di Vacchi, a partire da un debito di 30 milioni che avrebbe accumulato con la sua First Investments spa, di cui è amministratore unico.

Tra un video e una foto su Instagram, Gianluca Vacchi è anche un imprenditore capace di smuovere grossi capitali ma, allo stesso tempo e i fatti lo dimostrano, a creare grandi debiti. L'imprenditore ora DJ che ha più di 10 milioni di follower su Instagram e circa un milione e mezzo di fan su Facebook non avrebbe pagato neppure un mutuo contratto con Banca popolare di Vicenza per acquistare una villa a Porto Cervo: il debito sarebbe di circa 6 milioni di euro.

Su Instagram i problemi debitori di Gianluca Vacchi con il pignoramento dei suoi beni ha scatenato la corsa all'offesa e allo sberleffo.

Anche il rapporto con il gruppo IMA holding di famiglia è decisamente particolare: la società pagherebbe a Vacchi ben 5 milioni l'anno per non interessarsi degli affari di famiglia. Nonostante le precisazioni, a fine maggio il re dei social aveva un debito di 380mila euro con i cugini Marco e Alberto Vacchi, per le spese di noleggio elicotteri e aerei. La cifra di 60 milioni di euro potrebbe non essere distante dalla realtà.

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

Milan-Betis, probabile formazione: titolari Bonucci e Biglia

Dopo Bonucci , pagato 42 milioni di euro, è il secondo investimento più oneroso del calciomercato estivo rossonero. Sono stati spesi 38 milioni per strapparlo al Porto.

Napoli-Nizza Champions League, biglietti quasi finiti e video di Balo

Un dato che testimonia l'attesa dei tifosi, soprattutto perché i tagliandi sono andati via in quattro ore: il via alla vendita è partito alle 15.

Disney chiude l'accordo con Netflix e lancia un proprio servizio streaming

Una notizia che farà storcere il naso a molti: il catalogo di contenuti a marchio Disney è destinato a scomparire da Netflix . Ancora da verificare, invece, se nel pacchetto saranno inclusi anche i film della Marvel e di Star Wars .

Catania, abusi su due bambini: arrestati la madre e un 82enne

La donna, proprio per quanto si sospettava nel rione, è stata accerchiata da un gruppo di persone che l'avrebbero insultata. Lei, la mamma, accompagnava i propri bambini a casa dell'orco, un anziano di 82 anni , L.G., che poi abusava di loro.

Milan, si continuano a monitorare Aubameyang e Kalinic

L'ostacolo più grande è rappresentato dalle richieste del Borussia Dortmund , che non fa passi indietro dalla valutazione di 80 milioni.

Pensioni a 67 anni dal 2021 anche senza automatismo

Il parere della Ragioneria, dunque, sembra essere chiaro: modificare gli adeguamenti automatici indebolirebbe il nostro sistema pensionistico.

Champions League, lista Napoli per il Nizza: ci sono quattro esclusioni eccellenti

Nella lista ufficiale dei 23, così come appurato dalla nostra redazione, mancano Tonelli e Pavoletti , oltre a Strinic e Zapata . Ciro Venerato , giornalista Rai Sport, è intervenuto ai microfoni di Radio Bruno: " Fiorentina su Strinic? ".

Maradona: "Se Maduro ordina sono pronto a mettermi la divisa"

Se può prendere una parte sbagliata o dire una sciocchezza, state sicuri che Diego Armando Maradona non mancherà. "E quando Maduro ordina, io mi vesto da soldato per un Venezuela libero, per combattere contro l'imperialismo e quelli che tentano di impossessarsi della nostra bandiera, che è la cosa più sacra che abbiamo" si legge sul profilo.

Fabrizio Curcio lascia la Protezione civile, al suo posto Gentiloni nomina Borrelli

Tutte le energie devono essere dedicate a svolgere nel miglior modo possibile questa funzione senza soluzione di continuità, giorno e notte...

Kenya: presidente Kenyatta,'accetterò il risultato del voto'

Sono dispiegati ai seggi 180'000 uomini delle forze dell'ordine per il timore di scontri e disordini post-elettorali e resta molto alto il rischio di brogli alle urne.