• Notizia
  • Esteri

Dipendente delle Poste ruba denaro: licenziato, giudice lo reintegra

Dipendente delle Poste ruba denaro: licenziato, giudice lo reintegra

Scattate poi le misure cautelari disposte dal giudice delle indagini preliminari, il dipendente venne sospeso dal lavoro, ma il 12 maggio del 2014 ottenne su istanza dei suoi avvocati - che da mesi inviavano decreti ingiuntivi per recuperare gli stipendi secondo loro dovuti - un primo reintegro formale.

La decisione del giudice del Lavoro ha reso felice l'impiegato delle Poste, che ha detto a un sito locale: 'Sono contento di poter ricominciare a lavorare.

"L'impiegato delle poste sorpreso a rubare dovrà essere reintegrato sul suo posto di lavoro". L'uomo nel 2012 aveva sottratto 14.500 euro dalla cassaforte, di cui aveva le chiavi, nella sede centrale delle Poste di Vasto, dove lavorava all'epoca.

A tradirlo era stata un'intercettazione ambientale e telefonica: aveva catturato una conversazione privata in cui, sapendo di essere sospettato dai colleghi e sentendo sul collo il fiato degli inquirenti, valutava se fosse il caso di restituire il bottino: "Mi sa che mo' glieli riporto...".

Nel frattempo le Poste avevano deciso di sospenderlo in attesa della sentenza. Ma in un Paese dove vige la presunzione d'innocenza, sacrosanta, e dove l'impiegato-ladro, viene sospeso con gli stessi "dati sufficienti per procedere a una contestazione disciplinare" viene reintegrato, come era possibile avanzare già la richiesta di licenziamento? "L'attesa della sentenza di condanna, quindi, non si giustifica e la contestazione formale è irrimediabilmente tardiva", si legge nel testo che impone il reintegro. Quindi l'impiegato non va licenziato perché non è stato licenziato subito. Sto rivedendo la luce e, con me, la mia famiglia che mi ha sempre sostenuto'. Siamo nel 2012. In breve il furto viene scoperto. "Il giudice - spiega l'avvocato Di Risio - ha applicato un principio di civiltà, perché il fatto deve essere contestato tempestivamente al lavoratore altrimenti si annulla il diritto alla difesa".

Gli avvocati del 58enne abruzzese hanno affermato che, 5 anni fa, Poste italiane era in possesso di tutti gli elementi per licenziare ma non lo aveva fatto. Si sono registrati molti casi di dipendenti delle Poste infedeli, sorpresi a rubare durante l'orario di lavoro. I fatti sono accaduti a Vasto e risalgono al 2012 quando un impiegato di lungo corso sfila dalla cassaforte di un ufficio postale una somma pari a 14500 euro.

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

Maze è pronta a presentare: Comet, rugged phone in uscita a Ottobre

Due le colorazioni previste, Quite Black e Deep Blue , mentre per il prezzo e la disponibilità bisognerà ancora attendere. Non ci rimane altro che aspettare la data di uscita per capire meglio le caratteristiche di questo prodotto.

Scontro moto-auto a Spotorno, centauro grave al Santa Corona

Un'ambulanza della Croce Bianca di Spotorno ha trasportato il ferito in codice rosso all'ospedale Santa Corona di Pietra Ligure. L'uomo viaggiava su una Vespa e lo scontro è avvenuto con una Citroen Berlingo guidata da L.D, 50 anni di Spotorno .

Nvidia Shield TV con (solo) telecomando a 199€

Questa versione infatti non conterrà il controller ma solo il telecomando , con uno storage disponibile di 16 GB. Sul dispositivo c'è una porta HDMI 2.0b con supporto HDCP 2.2 e CEC oltre a due USB 3.0 Type A.

Il capo della Polizia ad Aversa, "Rafforzeremo tutto l'organico"

Aggiunge Gabrielli: "Ciclicamente questo è il Paese degli stupri, il Paese degli omicidi, e però non è così. Dobbiamo intercettare tutto quello che serve perché i cittadini si sentano al sicuro.

Ferrero: "Senza il blocco cinese l'Inter avrebbe preso Schick"

Il problema di questi giocatori sono i procuratori , che li trattano come fossero opere d'arte, ma hanno solo 20 anni. Lunga intervista a Gazzetta.it per il presidente della Sampdoria , Massimo Ferrero .

Allarme uova contaminate: marca e lotti pericolosi, i richiami sul territorio

Un intero lotto di uova contaminate dal pericoloso insetticida è finito in questi giorni sul mercato dell'Isola. Uova che, secondo quanto si è appreso, sarebbero state distribuite su tutto il territorio calabrese.

"Sono anche un po' stufo, andiamo oltre" — Bernardeschi su Instagram

Il giocatore è stato accusato di mancanza di umiltà per aver giocato solo nel finale e per aver esultato per il successo e ha replicato con delle belle parole.

Caffè contraffatto, maxi sequestro da 500mila euro

Il responsabile, un imprenditore italiano sessantenne, operante nel settore da anni, rischia fino a 3 anni di reclusione. Le autorità hanno messo i sigilli anche ai macchinari e alle attrezzature impiegate nel processo industriale.

Agrigento: ex sindaco Licata, Brandara non molli e continui con le demolizioni

E non permetterò a nessuno di approfittare di questa vigliaccata per buttar loro fango addosso. In quell'occasione le sono state recapitate due cartucce di fucile.

Ciak, si rigira: il destino degli allenatori alla seconda stagione

Una stagione anomala, dunque, nel segno di quella continuità sempre più rara quando si tratta di allenatori. Una fra queste è rappresentata da Mourinho , capace al secondo anno di vincere al Porto, Chelsea, Inter e Real.