• Notizia
  • Esteri

Milano. Si finge tassista e violenta una turista canadese

Milano. Si finge tassista e violenta una turista canadese

Lo stupro è accaduto domenica sera ad opera di uomo che si è spacciato come dipendente di una ditta di noleggio auto con conducente.

La donna aveva fretta, doveva attraversare tutta la città ed andare fino alla stazione dei bus di Lampugnano, da dove sarebbe poi partita per Venezia, quindi sale a bordo. Il finto conducente l'ha portata invece a Crescenzago, in periferia, e, in una zona isolata, l'ha violentata.

Trasportata alla clinica Mangiagalli, secondo i primi riscontri la violenza sarebbe purtroppo effettivamente avvenuta; la donna ancora sotto choc riesce comunque a fornire importanti dettagli alle forze dell'ordine, soprattutto per quanto riguarda il percorso effettuato dal violentatore, che ha terminato la sua corsa nei pressi del parco Lambro.

Infine l'ha fatta scendere ed è ripartito. I carabinieri stanno passando al setaccio le telecamere di sorveglianza e, con l'aiuto della sommaria descrizione dell'auto fornita dalla vittima, stanno cercando di dare un nome all'aggressore che non si esclude sia stato protagonista in passato di altri episodi. Il campo delle ricerche è vasto ma a essere più interessata è la zona di via Padova e viale Monza dove, tra l'altro, è alta la presenza di sudamericani.

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

Di Francesco, "La forza della Roma è il collettivo"

Non mi piace solo quando si parte prevenuti, sono qui per la Roma e non per me stesso. "Mi sento a mio agio qui dentro e fuori". Siamo in costruzione soprattutto in quel ruolo, dove ho meno certezze ma è naturale quando ci sono giovani come Under .

Adriana Volpe querela Giancarlo Magalli. "Se siamo rimasti amici? Anche no"

Poi sono arrivati a battibeccare in studio per una semplice affermazione fatta da Adriana Volpe sull'età di Giancarlo Magalli . Ora la giustizia farà il suo corso, ma vorrei guardare avanti, siamo due professionisti .

Alaves, vicino l'ingaggio di De Biasi come allenatore

Gianni De Biasi è pronto a ritornare in panchina, a poco più di tre mesi dalle dimissioni da commissario tecnico dell'Albania . Chi aveva il muso lungo l'estate passata è ora protagonista, le cose stanno andando per il verso giusto.

Maze è pronta a presentare: Comet, rugged phone in uscita a Ottobre

Due le colorazioni previste, Quite Black e Deep Blue , mentre per il prezzo e la disponibilità bisognerà ancora attendere. Non ci rimane altro che aspettare la data di uscita per capire meglio le caratteristiche di questo prodotto.

GfVip 2: ecco perché Daniele Bossari non parla con Aida Yespica

In molti, dentro e fuori il Grande Fratello VIP 2017 , trovano che sia una persona leale e sincera all'interno del reality. Ignazio Moser però si è affrettato a dire che non sono parole di Daniele Bossari , bensì un suo ragionamento personale.

Il capo della Polizia ad Aversa, "Rafforzeremo tutto l'organico"

Aggiunge Gabrielli: "Ciclicamente questo è il Paese degli stupri, il Paese degli omicidi, e però non è così. Dobbiamo intercettare tutto quello che serve perché i cittadini si sentano al sicuro.

"Sono pronto": l'ultimo sms dell'assassino di Nicolina alla madre della ragazza

Quando Christy rimase incinta il suo uomo iniziò ad offenderla, dicendo che era grassa, la umiliava e minacciava di ucciderla. Nicolina è vegliata dai nonni, cui era stata affidata dal tribunale dei minorenni di Firenze dal 2010, ed altri parenti.

Ferrero: "Senza il blocco cinese l'Inter avrebbe preso Schick"

Il problema di questi giocatori sono i procuratori , che li trattano come fossero opere d'arte, ma hanno solo 20 anni. Lunga intervista a Gazzetta.it per il presidente della Sampdoria , Massimo Ferrero .

Milano: porta del Duomo aperta di notte, scatta allarme

Resta da capire se per una coincidenza, cioè un semplice errore, oppure perchè si tratta di un piano ben organizzato. La struttura è stata sottoposta a diversi controlli ed è emerso che alcune telecamere interne erano spente.

Ciak, si rigira: il destino degli allenatori alla seconda stagione

Una stagione anomala, dunque, nel segno di quella continuità sempre più rara quando si tratta di allenatori. Una fra queste è rappresentata da Mourinho , capace al secondo anno di vincere al Porto, Chelsea, Inter e Real.