• Notizia
  • Finanza

Crac Cirio, la Cassazione conferma la condanna di Geronzi

Crac Cirio, la Cassazione conferma la condanna di Geronzi

Per il crac della Cirio la Cassazione ha reso definitiva la condanna a 4 anni di reclusione per il banchiere Cesare Geronzi ed in parallelo ha disposto un nuovo processo per il patron del gruppo agroalimentare, Sergio Cragnotti. L'udienza si è svolta in un'aula piena di avvocati, per via delle centinaia di risparmiatori che avevano investito nei bond Cirio e che sono rimasti coinvolti nella bancarotta. Quanto alla posizione dell'ex presidente di Banca di Roma, Cesare Geronzi, condannato in appello a 4 anni, Iacoviello ha sollecitato la sola conferma di condanna per un capo di imputazione - concernente l'ipotesi distrattiva su Bombril, Cirio International - e l'annullamento senza rinvio in relazione agli altri reati. Sono state rese invece definitive invece le condanne per il figlio di Cragnotti, Andrea, che aveva 2 anni e 4 mesi di reclusione coperti da indulto e confermata l'assoluzione per gli altri due figli del manager, Elisabetta e Massimo.

Se le richieste del Pg dovessero essere accolte, la transazione da circa 240 milioni di euro con la quale Unicredit nel 2014 ha chiuso il contenzioso con l'amministrazione straordinaria di Cirio, autorizzata dal ministero dello Sviluppo economico, per risarcire i creditori - sebbene il crac sia di quasi quattro volte maggiore - sarebbe da considerare "ancora di più un ottimo risultato", ha sottolineato l'avvocato di Cirio Nicola Madia.

Ad avviso del Pg, in generale, "non basta il consenso della banca all'operazione di finanziamento richiesta dall'imprenditore per considerare Geronzi come colui che ha consentito alla distrazione tramite l'autorizzazione all'operazione". La Corte, presieduta da Maurizio Fumo, potrebbe concludere già questa sera l'esame dei ricorsi altrimenti, se avrà bisogno di andare avanti domattina, il verdetto slitterà. Geronzi è difeso da Franco Coppi e da Ennio Amodio, Cragnotti da Massimo Krogh e Luigi Panella.

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

Altri casi di iPhone 8 Plus "esplosi"!!

Da quasi un mese siamo venuti a conoscenza di ogni aspetto dei nuovi terminali di casa Apple . I problemi si sarebbero verificati in Giappone , Hong-Kong, Taiwan , Grecia ed in Canada .

Nucleare, Trump pronto a revocare l'accordo con l'Iran

Gli Usa sembrano pronti a recedere dall'accordo stipulato dall'amministrazione Obama in merito al nucleare in Iran . Per il quotidiano, gli esperti del tema avvertono che i piani non sono impostati e potrebbero cambiare.

Migranti, indagato sindaco di Riace

Non solo, doveva essere realizzata anche una fiction su di lui, dove sarebbe stato interpretato da Beppe Fiorello. Centinaia di profughi giunti da ogni parte hanno trovato qui ospitalità e dignità .

Statua in cera crolla a Firenze

La statua è crollata di colpo al suolo tra la sorpresa dei visitatori. Sul posto sono intervenuti vigili urbani e forze di polizia. Non ci sono stati feriti ma i presenti si sono spaventati.

Verso la nominaa Procuratore Antimafia

Del futuro della direzione alla Procura nazionale antimafia e antiterrorismo si conoscono nome e metodo di lavoro. La commissione per gli incarichi direttivi del Csm lo ha proposto a larga maggioranza, con cinque voti a favore.

Meteo, cambia ancora tutto: nuova ondata di freddo e pioggia

Un aumento termico lo si osserverà con l'inizio della prossima settimana, quando torneremo ad avere un clima più mite. Venerdì 6 Ottobre: giornata caratterizzata da rovesci temporaleschi e schiarite, min 9°C, max 12°C.

Lunedì la Catalogna vota l'indipendenza Madrid invia i soldati

Che cosa è successo effettivamente oggi? Il discorso del re , per il portavoce catalano, "versa altra benzina sul fuoco". Sono stati convocati inoltre una collaboratrice dello stesso Trapero, Teresa Laplana .

Blitz a Caronia: arrestati due imprenditori, sequestrate auto di lusso

Il procedimento, coordinato, dalla DDA di Messina, guidata dal procuratore capo Maurizio De Lucia , è sfociato nel sequestro di beni e titoli per un milione 200 mila euro.

Napoli, De Laurentiis: "Gelato dalla richiesta di Reina. Volevo Neto o Szczesny"

Sul mercato estivo e sui rinnovi: "Abbiamo tenuto tutti e poi abbiamo aggiunto Ounas e Mario Rui che conosce bene Sarri ". Il presidente condivide in parte, "perché un anno fa abbiamo dovuto verificare come avremmo dovuto sostituire Higuain ".

Del Piero: Juve, grave la perdita di Bonucci. Il Napoli? Da scudetto

Sarri ha creato una macchina quasi perfetta, ma qualche volta dovrà anche improvvisare e fidarsi di tutta la sua rosa. In questo De Laurentiis è stato bravissimo, non dimentichiamoci che il Napoli era in Serie B con noi.