• Notizia
  • Esteri

Legge elettorale, furia M5S. Di Battista: "Fiducia è atto eversivo"

Legge elettorale, furia M5S. Di Battista:

Il deputato, secondo quanto si apprende, si è tolto la giacca arringando la folla contro l'uso della fiducia per la legge elettorale ma la piazza lo ha coperto di fischi e insulti, invitandolo ad andarsene. Partendo da questo, Di Battista ha accusato il segretario della Lega: "Oggi Salvini avallando questa legge accetta che il prossimo governo sia Renzi-Berlusconi e lui si accontenta di qualche poltrona".

Per Di Battista, è il Partito Democratico che teme i franchi tiratori, gli stessi che "hanno affondato il tedeschellum", e di conseguenza pone la fiducia su una legge che "mette a rischio la democrazia, creando un parlamento composto da rappresentanti dei partiti e non rappresentanti del popolo".

Nella confusione Alessandro Di Battista (M5S) è uscito da Montecitorio per parlare con i manifestanti che protestano in piazza. La strada migliore, però, il Pd ha ritenuto che fosse proprio quella della fiducia, proposta alla quale i dem erano giunti dopo una riunione mattutina prima dell'ingresso del testo alla Camera. Per me i cittadini hanno tutto il diritto di fischiare i parlamentari.

In aula sono stati chiamati a comparire anche i leader del M5S, Beppe Grillo e Luigi Di Maio, quest'ultimo che ha presentato formale giustificazione. Alcuni deputati si sono anche avvicinati ai banchi della presidenza e del governo. Ricordiamo che questo Parlamento venne eletto da una legge dichiarata incostituzionale, il porcellum. La Consulta, infatti, non si è mai pronunciata nel senso di richiedere l'obbligatorietà di un sistema di preferenze, preoccupandosi piuttosto di garantire la ragionevolezza di un sistema con liste bloccate.

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

Gorgonzola, incendio in appartamento: un morto e 4 intossicati

L'uomo è stato trasportato in gravi condizioni all'ospedale ed è morto un'ora dopo il ricovero a Melzo per le gravi ustioni riportate.

Lorenzo Tinagli: "Aderisco allo sciopero della fame per lo Ius soli"

Bene ha fatto il ministro Minniti a ricordare che quando parliamo di ius soli e ius culturae, non parliamo di migranti, ma di persone nate in Italia e che qui hanno compiuto un intero ciclo scolastico.

Alla Ferrari il Tapiro di Striscia la Notizia

E, anzi, pare che sia proprio la Ferragni ad averla abituata in questo modo, incurante persino delle severe sanzioni previste dalle norme del condominio.

Una Vita, anticipazioni del 10 ottobre: Huertas rivoluziona Acacias

Effettivamente appena Huertas ha il contratto firmato tra le mani, esorta le altre domestiche a far valere i propri diritti. Parlando con Leonor , Liberto si rende conto che la ragazza non approverebbe la sua relazione con Rosina .

Amichevole Under 21, Italia-Marocco 4-0: cronaca del match 675 1 10-10

Italia U21 (4-2-4): Scuffet; Calabria , Mancini, Romagna, Pezzella; Murgia , Locatelli; Chiesa , Favilli, Cutrone , Parigini . Nel secondo tempo segnano l'attaccante della Spal Federico Bonazzoli (30′), e al 48' Luca Vido .

Da pulmino a stazione ambulante per gasolio di contrabbando

Inoltre, analizzando il conta litri è emerso che erano stati effettuati migliaia di rifornimenti. Per questo i militari hanno seguito il mezzo che si è fermato nei pressi di un cortile.

Super Mario Odyssey: pubblicato un nuovo trailer

Di seguito vi proponiamo ulteriori informazioni, accompagnate dalla clip in questione che vi riportiamo quest'oggi. Vi ricordo che Super Mario Odyssey è in arrivo il prossimo 27 ottobre 2017 in esclusiva per Nintendo Switch .

Vasco Rossi torna live negli stadi nel 2018

Gli oltre duecentomila fan accorsi da tutta Italia per il concerto-evento Modena Park non gli sono bastati. Le news saranno rilasciate sul sito ufficiale dedicato all'artista e sui suoi canali social.

Catalogna è il giorno dell'indipendenza? Segui in diretta l'intervento di Puigdemont

Deve perciò rivolgersi a Madrid, che con il Fondo di liquidità autonomo le ha concesso 63 miliardi di euro. La Catalogna ha una sua lingua, una sua cultura, un suo parlamento , una bandiera e persino un suo inno.

Ciak, si rigira: il destino degli allenatori alla seconda stagione

Una stagione anomala, dunque, nel segno di quella continuità sempre più rara quando si tratta di allenatori. Una fra queste è rappresentata da Mourinho , capace al secondo anno di vincere al Porto, Chelsea, Inter e Real.