• Notizia
  • Esteri

Mafia, cocaina dall'Argentina per rifornire la movida: colpo ai clan

Mafia, cocaina dall'Argentina per rifornire la movida: colpo ai clan

È stato individuato, inoltre, un gruppo di spacciatori prevalentemente operante nei locali notturni delle province di Palermo e Trapani.

Un vasto traffico internazionale di cocaina tra Italia ed Argentina è stato sgominato dai carabinieri di Palermo, che stanno eseguendo numerosi arresti tra il capoluogo siciliano, Roma e Udine. In tutto sono dodici le persone raggiunte da una misura cautelare voluta dalla Procura di Termini Imerese.

L'operazione - come riporta PalermoToday.it - riguarda capi e gregari di un mandamento mafioso accusati di traffico internazionale di sostanza stupefacente. Nel mirino alcuni mafiosi del clan di Bagheria. E' stato documentato ancora una volta, sottolinea l'Arma, "come il settore degli stupefacenti rivesta per Cosa nostra un'importanza fondamentale, imprescindibile nelle dinamiche criminali e, al contempo, fonte di accese e continue tensioni tra gli stessi affiliati". Al vertice di questa organizzazione c'era Nicolò Testa, mafioso di Bagheria aiutato dal suo stretto collaboratore Carmelo D'Amico, in rapporti di "affari" con Salvatore Drago Ferrante, procacciatore all'ingrosso di cocaina che, nel volgere di qualche mese, aveva creato una "squadra", di cui facevano parte anche Di Salvo e Militello, dediti all'importazione in Italia di stupefacenti provenienti dall'Argentina e alla cessione in favore di spacciatori all'ingrosso sul mercato palermitano.

Le attività di indagine sono state condotte anche all'estero e hanno consentito il sequestro di 5 chili di cocaina. Entrambi si sarebbero accordati per reperire la droga da piazzare poi sul mercato attraverso una serie di pusher che agivano all'interno dei locali notturni. In dettaglio, le indagini hanno permesso di ricostruire: l'acquisto in Argentina di 4,6 chili di cocaina, sequestrati all'Aeroporto di Buenos Aires; la cessione di un chilo di cocaina sulla piazza di spaccio palermitana; un gruppo dedito allo spaccio di stupefacenti di vario tipo (cocaina, MDMA o MD, Ecstasy, marijuana e hashish) in Provincia di Palermo.

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

Dovizioso, il Mondiale è apertissimo

Noi dobbiamo cercare di sfruttare al massimo il potenziale che abbiamo: "questo è quello che bisogna fare adesso". Qui il livello è altissimo, basta un niente per trovarsi indietro: basta poco, puoi fare settimo o podio.

Koulibaly: "Sarri geniale. Scudetto Napoli? Crediamoci"

Sulla lotta scudetto invece: "Se crediamo nello scudetto? Ora conta battere la Roma ". Quando è arrivato mi ha detto: 'Se fai come ti dico diventerai un grandissimo'.

Domani a L'Aquila giornata mondiale della vista: visite gratuite

Ti aiutiamo a vederci chiaro è lo slogan della giornata che mira a preservare la salute degli occhi, non solo con la cura ma anche con la prevenzione e la riabilitazione visiva.

Rosatellum, la Camera supera il primo voto di fiducia

Il governo ha autorizzato il ricorso alla fiducia sulla legge elettorale per blindare il Rosatellum bis alla Camera. Poi il voto finale sarà segreto. 'Impedite il ritorno della melma', manda a dire in un lungo post sul suo blog.

PELLEGRINI vs PALTRINIERI: DALLA LITE ALLA PACE (FORSE)

Paltrinieri d'altro canto non è rimasto a guardare, e ha subito messo la faccia per difendere il suo allenatore. Ma per me e per il tuo gruppo sei tu l'allenatore dell'anno!

Cime di rapa a rischio botulino, il Ministero della Salute: "Non mangiatele"

La tossina botulinica, capace di provocare avvelenamento alimentare , è una proteina neurotossica prodotta dal batterio Clostridium botulinum .

Il 12 ottobre un asteroide sfiorerà la Terra: cosa succederà…

Riguardo all'ansia, questa l'ha data ai più famosi astronomi un asteroide , chiamato 2012 TC4 . Il suo passaggio infatti avverrà ben all'interno dell'orbita lunare.

Stupri e torture su migranti, Matammud condannato all'ergastolo

Un'altra voce: "Volevano i soldi e per ottenerli in modo veloce ci facevano violenze per far pagare in fretta i nostri familiari". Il 22enne era il carceriere di un campo profughi irregolare in Libia .

Pornhub attacco hacker: milioni di utenti di PORNHUB a rischio malware-virus

A marzo è stata tra le piattaforme Usa che hanno adottato il protocollo 'https' per proteggere l'identità degli utenti. Fatto che potrebbe interessare i milioni di utenti registrati, mettendo a rischio i loro dati personali.

Anticipazioni Chi l'ha visto? Novità sul caso irrisolto di Denise Pipitone

Le ricerche continuano, come continua a non arrendersi, a non poter arrendersi, la mamma dell'adolescente. Ecco, questo è il caso della nuova foto della presunta Denise, ora adolescente.