• Notizia
  • Sportivo

Mertens innamorato di Napoli: "Ma non paragonatemi a Maradona"

Mertens innamorato di Napoli:

Dries Mertens nel suo nuovo ruolo da centravanti ha conquistato la platea azzurra, mettendo a segno gol a ripetizione: in questo inizio di stagione sono già nove le reti, sette in sette partite di campionato, ma per lattaccante belga non è abbastanza per essere avvicinato al “Pibe de Oro”. A me fa piacere, ma ho tanto rispetto: Maradona è una leggenda e ha fatto la storia del pallone, il mio livello è un altro. Io sono solo Dries, resto con i piedi per terra ed aiuto la squadra.

Mertens è follemente innamorato della piazza partenopea: "Qui a Napoli il calcio è incredibile, la gente lo segue in maniera pazzesca: mi piace molto il modo di vivere". Adoro uscire e conoscere gente nuova”.

La consacrazione ad attaccante puro è arrivata a causa dello sfortunato infortunio di Arek Milik che ha tenuto il polacco lontano dai campi per ben 6 mesi e che, incredibilmente, si è ripetuto in questa stagione. Juve? Sono concentrato solo sul Napoli, dobbiamo pensare a noi stessi e dare tutto senza guardare gli altri. "Sono comunque due attaccanti fortissimi che hanno trovato nelle rispettive squadre la loro dimensione ideale". "Anche per la Roma però è un match decisivo, perché con tre punti verrebbe proiettata nelle zone altissime della classifica, considerando anche la partita con la Samp da recuperare". Mister Maurizio Sarri si è ritrovato a fare di necessità virtù spostando il fenomeno belga dall'esterno, fino a quel momento più riserva che titolare, al centro dell'attacco azzurro.

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

"Pregiudizio anti-israeliano", gli Usa lasciano l'Unesco

Eppure, sorpresa di giornata è che gli Stati Uniti hanno notificato all'Unesco la loro uscita dall'organizzazione. Gli Stati Uniti erano poi tornati membri dell'agenzia nel 2002, sotto la presidenza di George W.

Loredana Lecciso attacca Romina Power: "Al Bano ama me"

Loredana Lecciso, le ultime dichiarazioni ed il matrimonio con Al Bano. . "E il mio presente è accanto al mio uomo". Inoltre la Lecciso avrebbe precisato: " Romina fattene una ragione, Al Bano è mio". " Non ne posso più ", ha detto.

Roma, Pellegrini: "Col Napoli è uno scontro diretto, ci sarò"

Pellegrini non ha un giocatore per il suo ruolo a cui si è ispirato ma De Rossi è senza dubbio un punto di riferimento. Sabato ci aspetta una partita importante, è uno scontro diretto per i primi posti -ha sottolineato Pellegrini a Sky-.

Roma. Finanziamenti pubblici, otto arresti

Arerstato e messo ai domiciliari anche Riccardo Solfanelli , già capo di gabinetto dell'ex vicesindaco della giunta Alemanno , Sveva Belviso.

Giaccherini: "Scudetto? Vincerlo qui sarebbe più bello che con la Juve"

Abbiamo avuto la bravura di vincere sette partite, siamo primi e speriamo di mantenere la posizione. Su Mertens: "siamo tutti felici che sia entrato nella classifica per il Pallone d'Oro".

Milinkovic Juventus, offerta da 80 milioni di euro

Questa Lazio è una bella squadra: c'è la giusta atmosfera, una mentalità vincente e la panchina lunga. ergej è speciale. Mi piace parecchio Dybala, un giocatore magico, di quelli che diverte.

Arsenal, Wenger autorizza le cessioni di Ozil e Sanchez: la situazione

Di Mesut Ozil all'Inter si parla da tempo, mentre Sanchez potrebbe rimanere in Inghilterra (piace al Manchester di Mou).

Asia Argento accusa Weinstein di stupro

Evidentemente non sei mai stata violentata , non hai mai provato terrore e vergogna ", ha risposto Asia Argento . E devo ancora accettare realmente quanto è accaduto.

Molestie, Weinstein abbandonato da tutti. La Delevingne: "Rifiutai sesso a 3"

Il regista se n'è andato e Harvey mi ha chiesto di rimanere per parlare con lui. Mi accompagnò alla porta, ci si mise davanti e cercò di baciarmi sulla bocca .

X Factor 2017, la seconda parte del Bootcamp con Mara e Levante

La fase finale dei Bootcamp quindi, secondo quanto dichiarato dal sito ufficiale di X-Factor sarà scoppiettante. Nella brevissima clip, si sente il "buu" del pubblico presente, evidentemente contrariato.