• Notizia
  • Sportivo

MotoGP | Livio Suppo lascia la Honda

MotoGP | Livio Suppo lascia la Honda

Da martedì al "Ricardo Tormo" a Valencia, per due giorni, i piloti MotoGP torneranno in sella per provare nuovi elementi e raccogliere dati in vista della prossima stagione. "Per il resto. ho già qualche buona idea". Tra i rookie dell'anno ci sarà anche Takaaki Nakagami, nuovo pilota del team LCR, mentre non sarà presente in pista causa infortunio Thomas Luthi (EG 0,0 Marc VDS).

All'indomani del titolo mondiale conquistato da Marc Marquez, Livio Suppo ha convocato una conferenza stampa a Valencia per annunciare il proprio addio alla Honda con effetto immediato. Suppo lascia da vincente, con la tripla corona conquistata nel 2017 e dopo un bottino ricchissimo raccolto in Honda dal 2010 ad oggi. Il team principal del team Hrc è stato uno dei pilastri nella rinascita della casa giapponese e la notizia scuote il paddock come un terremoto. La Honda Racing Corporation desidera "ringraziare Livio Suppo per la dedizione, la competenza e la passione che ha sempre distinto il suo lavoro e gli augura tutto il meglio per il suo futuro", spiegano in una nota. "Dentro di me volevo cambiare vita e preferisco farlo adesso, per consentire alla squadra di riorganizzarsi".

Queste le parole del manager piemontese, che con i suoi occhi di ghiaccio ha fatto tremare gli avversari ed innamorare i suoi collaboratori: "E' arrivato il momento di ricaricare le batterie, è il momento giusto per me e la Honda". Credo che lasciare ora sia la scelta giusta, nonostante avessi ancora un anno di contratto. Con la Honda abbiamo vinto tanto e vissuto bellissimi momenti ma quello più speciale in assoluto della mia carriera resta il titolo vinto nel 2007 con la Ducati e Casey Stoner perché fu un progetto speciale e quasi rivoluzionario. Andrò in bicicletta con gli amici e voglio dedicare più tempo a me stesso e alla mia famiglia.

Il vuoto che lascia Suppo è sicuramente di quelli grandi.

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

Fazio vs. Giletti: la sfida dell'audience premia… Rosy Abate

Che, in un primo momento slittano alle 16 e dopo la scadenza scivolano ancora più in là. I dati sono usciti solo a pomeriggio inoltrato.

Uomini e Donne, anticipazioni trono classico e la scelta di Mattia

Non è finita solo perché Nicola andava a ballare di nascosto, mi ha nascosto anche altro e mi sono sentita presa in giro. Dopo Temptation Island siamo andati a convivere perché volevo dare al nostro rapporto una seconda possibilità.

Elisabetta Canalis, addio al cane Piero: "Ti porto nel mio cuore"

Ti cercherò in ogni segno, in ogni ombra, in ogni ricordo, ti troverò nell'aria, nel sonno e nei posti che ho vissuto con te. Ti amo da morire e ti porto nel mio cuore fino all'ultimo giorno di questa vita.

Milan, bilancio in rosso: perdite di 32.6 milioni, niente mercato a gennaio

Perdita di 32 milioni , in diminuzione di quattro milioni rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. L'incontro è durato 21 minuti e ha registrato l'assenza - già prevista - del presidente Yonghong Li.

Usa, Trump: ho ottimi rapporti con gran parte dei leader mondiali

Poi l'affondo da parte di Brennan: "Per qualche ragione il presidente Trump appare intimidito da Putin , impaurito da quello che potrebbe dire o che potrebbe venir fuori sulle indagini" del Russiagate .

Grande Fratello Vip, Francesco Monte scrive alla D'Urso: "La mia vita ora…"

La storia delle due attrici, che sembrano abbiano fatto finalmente pace (mah) ha tenuto banchetto per un tempo infinito. Una frecciatina chiara a chi lo ha offeso palando di business e difendendo invece. a spada tratta.

Chiesa, l'Inter può beffare Il Napoli: offerta da capogiro in arrivo

In realtà il vero assalto, quello che potrebbe far vacillare la Fiorentina e il giocatore, arriverà a primavera da un altro club. Oltre a un contratto favoloso per il giocatore.

Cremonese - Palermo 1-2: vittoria sofferta per i siciliani

Il Palermo si porta con questa vittoria al primo posto con 25 punti, mentre la Cremonese rimane sesta a 21. Adesso abbiamo un identikit di una buona squadra.

Italia, Ventura rischia, Tavecchio trema e chiama Infantino

Ma gli azzurri hanno tutte le carte in regola per poter ribaltare la situazione. Tutto è nato da quella pesante sconfitta in Spagna nel girone di qualificazione.

Pedrosa: 'la MotoGP è cambiata tanto'

Alla partenza ha pensato bene di fare da scudiero al proprio capo-squadra Marc Marquez difendendolo da ogni tipo di attacco. Dani Pedrosa racconta il suo successo a Valencia, maturato con un sorpasso all'ultimo giro su Zarco .