• Notizia
  • Esteri

3 kg di cocaina in auto, due arresti

3 kg di cocaina in auto, due arresti

Ora, Mario Favazza e Francesco Cavallaro, due pregiudicati di 33 e 36 anni, sono stati arrestati dagli agenti della Polizia di Catania. Nel tardo pomeriggio del 2 dicembre sono giunte a Catania due auto, entrambe provenienti dalla Calabria, segnatamente una Fiat Panda di colore giallo e una Fiat Tipo di colore grigio su cui viaggiava una donna.

Favazza e Cavallaro, presenti all'esecuzione dell'attività di p.g. sono stati dichiarati in stato di arresto. L'auto era seguita a distanza da un'altra Fiat Tipo con a bordo un uomo e una donna, il primo successivamente identificato in Favazza.

Il personale ha proceduto a bloccare le due autovetture, entrambi provenienti dalla Calabria, atteso il successivo rinvenimento, a bordo delle due autovetture, di due distinti biglietti emessi da una società di traghetti della tratta Villa San Giovanni - Messina. Proprio la signora avrebbe mostrato segni di nervosismo inducendo gli agenti a ritenere giusta la soffiata sul carico di droga.

A seguito di una perquisizione, condotta anche con l'ausilio dei cani antidroga Sky e Jagus e con l'utilizzo di attrezzatura per carrozzeria, all'interno della Fiat Tipo, abilmente nascosti in un incavo dello sportello posteriore lato passeggero, sono stati trovati i 3 Kg di droga.

La perquisizione ha confermato i sospetti, infatti sono stati rinvenuti in totale 141 grammi circa della predetta sostanza; in particolare, circa 61 grammi nel comodino della camera da letto e 80 grammi addosso al soggetto, tutti occultati e divisi in piccoli involucri confezionati.

Da un controllo immediato dei telefoni si ha avuto modo di accertare come Cavallaro, durante il tragitto Catania - Calabria - Catania, comunicasse con Favazza.

L'arrestato, dopo le formalità di rito è stato associato presso la Casa Circondariale di Foggia a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

Il post di Nadia Toffa su Facebook dopo il malore a Trieste

E' stato quindi necessario attendere che le condizioni del tempo migliorassero per raggiungere il San Raffaele in sicurezza . Nadia si è sentita male ieri pomeriggio intorno alle 14 in un albergo di Trieste .

Papa Francesco vuole rivedere il Padre Nostro: "Così è sbagliato"

Perché " sono io a cadere , non è Lui che mi butta nella tentazione per poi vedere come sono caduto". A duemila anni di distanza, però, la sua versione (almeno quella italiana) è ancora controversa.

Time: sono le "Silence Breakers" del movimento #MeToo la "persona dell'anno" 2017

Potrebbero lavorare nei campi della California, o alla reception del Plaza Hotel di New York o al Parlamento Europeo. A Hollywood come nel resto del mondo.

Nuova rottamazione cartelle esattoriali: abbraccerà tutti i ruoli dal 2000 in poi

Per come è stata riproposta la nuova rottamazione, si ritiene che tale vincolo permarrà anche nel nuovo procedimento. Il 7 dicembre ultima chiamata per i ritardatari .

Incendio in una ditta di solventi: due operai ustionati

Il più grave ha riportato ustioni sul 10% del viso e non sarebbe in pericolo di vita ed è stato ricoverato in prognosi riservata. L'allarme è scattato attorno alle 11 quando i tre dipendenti erano intenti a lavorare nel reparto vernici.

Carige, ceduto un altro milione di crediti in sofferenza

Il closing dell'operazione è previsto entro il primo semestre 2018. Il perfezionamento della transazione e' previsto entro fine 2017.

Gran Bretagna: sventato attacco kamikaze contro Theresa May

La notizia arriva direttamente dal direttore dell'MI5, i sevizi segreti inglesi, Andrew Parker , al governo. Tale attacco era stato organizzato da un attentatore islamico.

Juventus, Bernardeschi: "Ho cercato tanto il gol in Champions, ora l'Inter…"

C'ho provato tanto a segnare, quando le cose le vuoi e lavori alla fine arrivano. Ora affrontiamo l'Inter che è una testa di serie in questo momento.

Crotone, il tecnico Davide Nicola ha comunicato le sue "dimissioni irrevocabili"

Il confronto si è ripetuto all'indomani, nel pomeriggio: uno tra i dirigenti e Nicola , un altro tra i dirigenti e i giocatori. Lasciare adesso è di difficile comprensione e anche la squadra, particolarmente legata a lui, potrebbe risentirne.

Ventole RoadPro

La ventola RoadPro, grazie alla sua potenza e al suo lungo cavo, può essere utilizzata anche durante i picnic o i campeggi. La base regolabile permette di decidere l'angolo attraverso il quale verrà diretto il flusso d'aria all'interno dell'auto.