• Notizia
  • Finanza

Italia, allarme povertà: ISTAT, 18 milioni di italiani a rischio

Italia, allarme povertà: ISTAT, 18 milioni di italiani a rischio

E nel rapporto intitolato "Condizioni di vita, reddito e carico fiscale delle famiglie", l'ente di statistica rileva come sia aumentata sia l'incidenza di individui a rischio di povertà (20,6%, dal 19,9%) sia la quota di quanti vivono in famiglie gravemente deprivate (12,1% da 11,5%), così come quella delle persone che vivono in famiglie a bassa intensità lavorativa (12,8%, da 11,7%). Secondo l'Istat, nel 2016 erano 18,136 milioni le persone a rischio povertà o esclusione sociale. Nel 2016 gli obiettivi prefissati sono ancora lontani: la popolazione esposta a rischio di povertà o esclusione sociale è infatti superiore di 5.255.000 unità rispetto al target previsto. E questo significa che si sta allargando sempre di più la forbice tra i poveri e i più benestanti del Paese.

Il 30%, delle persone residenti nella penisola, circa una su tre, è a rischio di povertà, o esclusione sociale.

Si tratta di circa 2.500 euro al mese (+1,8% in termini nominali e +1,7% in termini di potere d'acquisto rispetto al 2014). Per ritenere che una famiglia viva quasi al di sotto della soglia di povertà è necessario che sia soddisfatta almeno una di queste condizioni: un nucleo familiare deve vivere al di sotto dei 9.748 euro annui; oppure in condizioni di grave deprivazione materiale (cioè mostrare almeno quattro dei nove segnali di deprivazione previsti, come l'essere in ritardo con i pagamenti, non potersi permettere di riscaldare in modo adeguato la casa); oppure le famiglie in questione devono trovarsi a bassa intensità di lavoro, ossia con componenti tra i 18 e i 59 anni che hanno lavorato meno di un quinto del tempo (se si fa riferimento a una singola persona si tratta di meno di tre mesi all'anno).

Il Mezzogiorno resta l'area territoriale più esposta al rischio di povertà o esclusione sociale (46,9%, in lieve crescita dal 46,4% del 2015).

Più esposti al rischio di povertà/esclusione sociale, come spesso accade, sono gli italiani residenti al Sud, mentre sul fronte della composizione familiare, a preoccupare l'Istat sono sia i nuclei con oltre 5 componenti (il rischio sale dal 31,6% al 34,9%), sia quelli con uno o massimo due componenti (il rischio vola dal 22,4% al 25,2%). Il rischio è minore, sebbene in aumento, nel Nord-ovest (21,0% da 18,5%) e nel Nord-est (17,1% da 15,9%). Distribuzioni del reddito più squilibrate ci sono in Portogallo (0,339), in Grecia (0,343) e in Spagna (0,345). Il reddito mediano cresce nel Mezzogiorno in misura quasi doppia rispetto a quella registrata a livello nazionale (+2,8% rispetto al 2014), rimanendo però su un volume molto inferiore (20.557 euro, circa 1.713 mensili). Nel Centro un quarto della popolazione (25,1%) permane in tale condizione.

In Italia la quota di popolazione a rischio di poverta' o esclusione sociale e' passata da 28,7% a 30,0% tra il 2015 e il 2016.

Tuttavia, c'è chi sta peggio.

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

Sky - Clamoroso, futuro Cannavaro decisione che potrebbe concretizzarsi già a gennaio

C'è, ad esempio, il precedente di Ronald e Frack de Boer che hanno condiviso l'avventura alla guida dell'Ajax qualche anno fa. Come riportano i principali siti sportivi, l'ex capitano del Napoli è intenzionato a raggiungere suo fratello Fabio in Cina .

Zulte-Lazio: probabili formazioni, radiocronaca e dove vederla in TV e streaming

In mezzo al campo giocheranno Murgia e Crecco mentre sulla fascia avrà una maglia da titolare Lukaku. In porta riposa Strakosha: spazio a Vargic se non addirittura al terzo portiere Guerrieri.

Pomeriggio 5: Barbara D'Urso attacca Cecilia ed Ignazio e difende Francesco Monte

Tuttavia la D'Urso non si è mai disperata, ed ha rivelato che è onorata che la sua trasmissione venga scelta da grandi ospiti. Queste sono le parole di Barbara D'Urso su questa situazione: "Non mi va più di parlare di questa storia.

Napoli, Mertens in conferenza: "Stiamo ancora male da venerdì. Domani dobbiamo vincere"

Non abbiamo giocato male come qualcuno dice, abbiamo avuto difficoltà negli ultimi venti metri e non abbiamo fatto risultato. Ma ora senza Milik non ha senso".

È morto il cantante francese Johnny Hallyday, aveva 74 anni

L'altra figlia, l'attrice Laura Smet, è nata nel 1983 dalla relazione sentimentale - durata dal 1982 al 1986 - con Nathalie Baye. Il cantante, monumento della musica francese, era stato ricoverato nella notte tra domenica e lunedì per problemi respiratori.

Juventus, Bernardeschi: "Ho cercato tanto il gol in Champions, ora l'Inter…"

C'ho provato tanto a segnare, quando le cose le vuoi e lavori alla fine arrivano. Ora affrontiamo l'Inter che è una testa di serie in questo momento.

Crotone, il tecnico Davide Nicola ha comunicato le sue "dimissioni irrevocabili"

Il confronto si è ripetuto all'indomani, nel pomeriggio: uno tra i dirigenti e Nicola , un altro tra i dirigenti e i giocatori. Lasciare adesso è di difficile comprensione e anche la squadra, particolarmente legata a lui, potrebbe risentirne.

"Vende" la moglie su internet: arrestato

L'uomo avrebbe anche fornito un numero telefonico mobile, preferendo la comunicazione su WhatsApp e poi appuntamento in piazza Stesicoro , in centro.

Juventus, Allegri: "Troppi errori, per Dybala è un momento no"

INCUBO FINALE - "I tifosi juventini hanno la negatività addosso, relativa alle finali di Champions perse". Alla fine poi abbiamo avuto anche più chance, ma non è mai facile contro il Napoli .

Meghan, ecco come sarà l'abito da sposa

D'altronde sono molti gli stilisti che potrebbero fare al caso della futura sposa. Lo ha fatto come attrice, nei panni della splendida Rachel Zane di " Suits ".