• Notizia
  • Esteri

La sinistra divisa Il conflitto di Grasso

La sinistra divisa Il conflitto di Grasso

Intorno a Pietro Grasso si sta organizzando anche nell'Isola il mondo alternativo al Pd con Liberi e uguali. Se, come molti si augurano, il Pd fallirà la prova elettorale e Matteo Renzi, avendo ballato più estati di quante ne meritasse, finirà nella spazzatura della storia, i gruppi di potere attestatisi in "Liberi e uguali" si riproporranno come unificatori della frastagliata e anarchica area che va comunemente sotto il nome di centrosinistra. In platea anche il segretario provinciale Cgil, Franco Fiordellisi. Per il vicesegretario del Pd Maurizio Martina, però "la logica del nemico-vicino non ha nulla di nuovo a sinistra".

Una cosa è certa: la nascita di Liberi e uguali, la lista che rappresenterà la sinistra riformista alle prossime elezioni politiche, non è passata inosservata e neanche i più accaniti e faziosi avversari hanno potuto liquidare questo avvenimento come uno dei tanti episodi che in politica lasciano il tempo che trovano. Come potrà un candidato del genere appassionare le periferie, che si sentono sempre più tagliate fuori e che ribollono di rabbia e di fascismo?

A ben vedere i principi ispiratori del nuovo partito nato domenica a sinistra del Pd, Liberi ed uguali, elencati dal presidente del Senato Pietro Grasso avrebbero potuto tranquillamente trovare cittadinanza nella stesso Pd. Secondo i primi sondaggi, 'Liberi e uguali' vale già adesso più del 5%, ma, almeno per ora, bisogna tener conto dell'effetto novità e dell'effetto Grasso. "Ieri la presentazione della lista, con il leader Piero Grasso, presidente del Senato". Insomma: da un lato la nuova formazione politica sarebbe un esempio di estremismo e radicalità, dall'altro non sarebbe abbastanza di sinistra. L'impressione è che questa grande adunata dell'Eur sia un fatto quasi emergenziale e una manovra per liquidare l'attuale impasse della sinistra. La 'Cosa rossa', come qualcuno l'ha già soprannominata, è stata tenuta a battesimo domenica 3 dicembre scorso a Roma da diversi esponenti politici, come Roberto Speranza (Mpd), Nicola Fratoianni (SI) e Giuseppe Civati (Possibile), provenienti dalle formazioni confluite nella nuova creatura politica, che nasce dalla convergenza di Mpd, SI e Possibile. Un capo che avrà una coda, naturalmente, anche in Irpinia, soprattutto ma non solo nella contabilità dei seggi che saranno assegnati con le prossime elezioni. E gioca a sfavore sia nel caso Pd e AP si presentino in coalizione, sia che i centristi decidano di correre da soli, come sembra più probabile alla luce del compromesso cui le due anime del partito stanno lavorando per evitare la scissione.

Se l'incertezza del voto sarà massima, le due sinistre potrebbero rimescolarsi ulteriormente in Parlamento: in caso di governo istituzionale, unica soluzione possibile se il centrodestra non riuscisse a raggiungere il 40 per cento, una parte dei deputati e senatori del Pd, segnatamente quelli della minoranza, potrebbero lasciare il partito che li ha eletti e rifluire tra i "Liberi e Uguali".

Non si può dire che si un bello spettacolo e neppure che ci attendano mesi di relativa tranquillità. "Mi dispiace, questi calcoli non fanno per me".

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

Bolognano in lutto per il bimbo morto a Firenze

Il piccolo non è sopravvissuto a un intervento di chirurgia vertebrale, il secondo nel giro di poche settimane. La Direzione e il personale dell'Ospedale pediatrico Meyer esprimono cordoglio e vicinanza alla famiglia.

Maggio: "Torniamo al campionato convinti della nostra forza"

In campionato siamo lì e c'è un altro scontro diretto, il campionato è lunghissimo. "Il morare non è al massimo ma i miei compagni daranno una mano".

Biotestamento. La legge approda al Senato: Ius soli all'ultimo punto dei lavori

Lo ha spiegato il capogruppo del Pd a palazzo Madama , Luigi Zanda , al termine della capigruppo. La seduta di oggi dovrebbe cominciare alle 16,30.

Champions, avanzano Roma e Juventus: chi retrocede in Europa League?

Alle terze classificate nei raggruppamenti di Champions vanno poi aggiunte le prime e le seconde di Europa League . Giovedì 15 e 22 febbraio sono le date che vedono in programma il doppio confronto dei sedicesimi di finale .

Etruria, Boschi: "Mai fatto pressioni". Sì ad audizione Ghizzoni

Quello che scrive De Bortoli non è vero - sottolinea, riferendosi a quanto riportato dall'ex direttore del 'Corsera' -. Potrebbero essere "esaurite le audizioni su Banca Etruria ".

Uomini e donne: ex tronista minaccia atleta olimpico e finisce in tribunale

Marco Carta a quanto pare è informato sulla vicenda, molti passaggi delle sue dichiarazioni sono stati secretati. L'udienza si è svolta a porte chiuse per richiesta dell'avvocato difensore della vittima Tatiana Minciarelli.

Blitz Forza Nuova: Fiore, primo atto guerra contro Pd

Alla redazione di Repubblica è giunta la solidarietà del segretario del Pd Matteo Renzi . Non ci fanno paura . "Quel passato non tornerà #avanti".

Inter, si pensa alla difesa: ecco la soluzione per accontentare Spalletti

Ecco le parole del brasiliano riportate dal sito ufficiale nerazzurro: "C'è tanta euforia, dimostriamo che siamo un gruppo forte". Hashtag #senzatregua? A me piace molto coinvolgere tutti, è bellissimo quando i tifosi stanno al tuo fianco.

Il post di Nadia Toffa su Facebook dopo il malore a Trieste

E' stato quindi necessario attendere che le condizioni del tempo migliorassero per raggiungere il San Raffaele in sicurezza . Nadia si è sentita male ieri pomeriggio intorno alle 14 in un albergo di Trieste .

Ciak, si rigira: il destino degli allenatori alla seconda stagione

Una stagione anomala, dunque, nel segno di quella continuità sempre più rara quando si tratta di allenatori. Una fra queste è rappresentata da Mourinho , capace al secondo anno di vincere al Porto, Chelsea, Inter e Real.