• Notizia
  • Intrattenimento

Ma quale Angelina Jolie? Il suo mito è Tim Burton

Ma quale Angelina Jolie? Il suo mito è Tim Burton

Negli scorsi giorni le foto dell'iraniana Sahar Tabar hanno fatto il giro del mondo.

L'agghiacciante trasformazione di Sahar Tabar per somigliare ad Angelina Jolie ci aveva lasciati tutti senza parole...più o meno tutti.

Sui suoi diversi profili Instagram non risulta affatto che lei sia una fan di Angelina Jolie; sembra invece sia una cosplayer che cerca di imitare la protagonista della Sposa Cadavere di Tim Burton.

Così, dopo tutti i commenti ricevuti, Sahar ha deciso di rivelare la vera storia dietro quelle foto. Come raccontato in numerosi articoli poi diventati virali, Sahar Tabar sarebbe una grande fan di Angelina Jolie, così appassionata dall'attrice americana da essersi sottoposta a cinquanta operazioni chirurgiche al volto per rendere il suo viso il più assomigliante possibile a quello dell'ex moglie di Brad Pitt. Ora, come conseguenza, la ragazza ha reso il suo profilo Instagram privato. "Ho pensato che queste persone vivano nel diciottesimo secolo e non hanno mai visto o sentito parlare di tecnologia o trucco, visto quanto sono stati sorpresi". Non sono altro che frutto di una lunga opera di make up, unita a una buona dose di photoshop.

15mila dollari: questa la cifra servita a far sì che i gemelli Matt e Mike Schlepp potessero assomigliare - almeno vagamente - al loro mito Brad Pitt.

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

3 kg di cocaina in auto, due arresti

Proprio la signora avrebbe mostrato segni di nervosismo inducendo gli agenti a ritenere giusta la soffiata sul carico di droga. Favazza e Cavallaro , presenti all'esecuzione dell'attività di p.g. sono stati dichiarati in stato di arresto.

Nadia Toffa non è in pericolo di vita, ma resta in rianimazione

Ieri la redazione delle Iene si è bloccata, giravamo impazziti per la redazione in cerca di notizie con il telefono in mano. E ancora: "A Trieste l'hanno trattata benissimo, ora l'hanno portata a Milano per farla stare vicina ai suoi affetti.

Incendio in una ditta di solventi: due operai ustionati

Il più grave ha riportato ustioni sul 10% del viso e non sarebbe in pericolo di vita ed è stato ricoverato in prognosi riservata. L'allarme è scattato attorno alle 11 quando i tre dipendenti erano intenti a lavorare nel reparto vernici.

Champions League, Juventus e Roma qualificate agli ottavi di finale

Negli altri gironi spicca il 3-1 del Bayern Monaco al PSG e la vittoria interna del Manchester United di Mourinho contro il CSKA Mosca (2-1).

Zulte-Lazio: probabili formazioni, radiocronaca e dove vederla in TV e streaming

In mezzo al campo giocheranno Murgia e Crecco mentre sulla fascia avrà una maglia da titolare Lukaku. In porta riposa Strakosha: spazio a Vargic se non addirittura al terzo portiere Guerrieri.

Napoli, Mertens in conferenza: "Stiamo ancora male da venerdì. Domani dobbiamo vincere"

Non abbiamo giocato male come qualcuno dice, abbiamo avuto difficoltà negli ultimi venti metri e non abbiamo fatto risultato. Ma ora senza Milik non ha senso".

Lenzuola: ogni quanto bisogna cambiarle?

Sono molto frequenti, per esempio, sintomi allergici come il raffreddore, anche in persone che non soffrono di allergia. Per questo dopo una settimana le nostre lenzuola diventano "pericolose".

Juventus e Roma, tutto ok: ottavi di Champions raggiunti

Roma e Juventus si regalano una notte da sogno e si qualificano agli ottavi di Champions centrando due successi preziosissimi. Bernardeschi chiude la gara all'89' con un sinistro a giro.

Juventus, Bernardeschi: "Ho cercato tanto il gol in Champions, ora l'Inter…"

C'ho provato tanto a segnare, quando le cose le vuoi e lavori alla fine arrivano. Ora affrontiamo l'Inter che è una testa di serie in questo momento.

Sarri: "Contro il Feyenoord sarà una gara difficile"

La storia di Guardiola parla di record su record. "Quando perdi, più lungo è il periodo d'imbattibilità e più dura è la sconfitta. Se lo Shakhtar facesse risultato bisogna andare fuori e dire che hanno fatto più punti di noi meritando la qualificazione.