• Notizia
  • Sportivo

Sofia Goggia super: in testa alla discesa di Cortina davanti alla Vonn

Sofia Goggia super: in testa alla discesa di Cortina davanti alla Vonn

La terza azzurra a scendere è proprio la Goggia che distrugge il primo tempo provvisorio della Schmidhofer disegnando linee strettissime e accumulando molta velocità grazie alla perfetta impostazione del curvone delta, che si rivelerà il punto focale di questa vittoria.

Un altro trionfo. A Cortina d'Ampezzo la protagonista è ancora una volta la bergamasca Sofia Goggia, alla seconda vittoria in cinque giorni, davanti a Lindsey Vonn e Mikaela Shiffrin. Sull'Olympia delle Tofane, la 25enne bergamasca ha preceduto le americane Lindsey Vonn (staccata dui 47 centesimi) e Mikaela Shiffrin.

CALCIO Sofia Goggia non si ferma più.

Subito fuori invece è finita Federica Brignone per il salto di una porta dopo un dosso. Ma alla fine ha vinto Goggia con il suo incredibile coraggio. Era dal dicembre della stagione 2007-08 che l'Italia femminile non vinceva tre gare consecutive: allora furono Denise Karbon ad imporsi a Lienz e Spindleruv Mlyn e Chiara Costazza nello slalom di Lienz. Per i colori gialloverdi da segnalare anche il buon 10/o posto di Hanna Schnarf, il 17/o di Nadia Fanchini, il 25/o di Nicol Delago e il 35/o di Laura Pirovano.

La campionessa azzurra, che ha eguagliato il primato di Isolde Kostner, è in forma olimpica e, ormai, ha acquisito una forza tale che le permette di fare autocritica anche su una prestazione di livello come quella di oggi: "Vincere a casa è un sogno, Cortina è la mia preferita". Nella sua carriera 4 medaglie olimpiche (oro in gigante a Torino 2006, argento in discesa e supercombinata a Vancouver 2010 e bronzo in supercombinata a Sochi 2014), due argenti e 3 bronzi iridati e sette successi in Coppa del Mondo.

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

Paura in galleria, auto in fiamme sulla tangenziale

Gli automobilisti hanno cominciato a fermarsi e a scappare via in preda al panico e al terrore. L'esplosione si è verificata poco dopo le 8 di questa mattina.

Ahi, Juve! Lo Schalke annuncia: 'Goretzka ha firmato con il Bayern'

Classe 1995 e con il contratto in scadenza nel giugno del 2018, quest'anno in Bundesliga ha collezionato 11 partite e 4 goal. Niente da fare per la Juventus , che adesso deve rinunciare ufficialmente a Leon Goretzka .

Disciplina detrazione Iva sulle fatture 2017-2018:come farla

Se la fattura è stata registrata nel 2017, l'imposta a credito confluisce nella liquidazione IVA relativa al dicembre 2017, da presentare entro il 16 gennaio 2018.

Masterchef 7, altri due gli eliminati della quinta serata

Solo Stefano , però, ha cucinato il piatto peggiore di tutti ed è stato definitivamente eliminato dalla cucina di Masterchef . Coloro che non sono stati scelti, hanno composto la terza squadra della prova, capitanata da Ludovica .

Renzi vuole candidare il premier Gentiloni in Puglia simbolo anti-D'Alema

E lancia il suo appello: "Se i "liberi e forti" non resteranno alla finestra, ma si impegneranno, allora vinceremo noi". C'è un destino collettivo che ci riguarda, si vince con la testa ma anche con il cuore.

Caldara Juventus, annuncio: "In bianconero non si può sbagliare…"

Spero che arriverà ancora un'altra notte del genere, anche se sarà molto difficile. Pensare alla Juve? Si', ma relativamente.

Agguato a Siderno. Ucciso il commerciante Carmelo Muià

Un 46enne Carmelo Muià , pregiudicato, commerciante di carni , è stato ucciso ieri sera in un agguato a Siderno , nella Locride. Muià, nel momento dell'agguato, era in sella ad una bicicletta elettrica e stava facendo rientro a casa.

Terrore a teatro: crolla la scenografia, feriti due coristi

L'incidente è avvenuto durante un cambio di scena del secondo atto, quando il sipario era chiuso. Trasportati in codice giallo in ospedale, le loro condizioni non sembrano gravi.

Canada: strangola e uccide l'amica, ma un selfie la incastra

Proprio Facebook ha aiutato le forze dell'ordine a tracciare i movimenti di entrambe, quella sera. La ragazza è stata riconosciuta colpevole di omicidio e condannata a sette anni di carcere.

Abusi sessuali, la difesa del prof: "Ero innamorato"

Così una notte, mentre la figlia dormiva, hanno controllato il suo cellulare, scoprendo messaggi e chat con l'insegnante. Queste violenze pare siano avvenute nell'aula dove il professore in questione dava le lezioni private.