• Notizia
  • Salute

Napoli, blitz antidroga alle Case Celesti: tre arresti

Napoli, blitz antidroga alle Case Celesti: tre arresti

Tre spacciatori sono stati arrestati dai carabinieri del Nucleo operativo della compagnia Stella nella piazza delle "Case Celesti", considerata roccaforte del clan Marino, a Secondigliano. Per i tre arrestati dalle forze dell'ordine l'accusa è quella di concorso di produzione e spaccio di stupefacenti.

Le indagini sono cominciate nello scorso mese di settembre: i carabinieri, con vari appostamenti, anche notturni, hanno così documentato l'accesso frequente dei tre fermati sul tetto di un palazzo dell'insediamento popolare. Così è stata installata una microcamera all'interno del ballatoio che dava nel tetto che gli ha ripresi tra il 5 e l'8 settembre scorsi. Le registrazioni acquisite a settembre hanno permesso di notare come, all'interno di un lungo cassone che scorreva su binari all'interno di una parete, i tre nascondevano cocaina, eroina, crack ed anfetamine, per un peso complessivo di 5 chilogrammi. Gennaro Montagna invece si è sempre occupato della vendita tra i sotterranei delle Case celesti: l'ultima volta che fu arrestato era luglio 2009.

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

Arresti a Bari per traffico rifiuti, pezzi auto in Africa e Asia

Tre imprenditori arrestati, quattro aziende e decine di mezzi pesanti sotto sequestro per un valore di quasi due milioni di euro. All'esecuzione del provvedimento cautelare hanno partecipato circa 50 carabinieri forestali con il supporto della Territoriale.

Inter, applausi ironici verso il pubblico: multa in arrivo per Brozovic

Chiaro che il suo percorso terminerà con una partita dal primo minuto, vedremo se dal primo minuto già contro il Genoa ". Vittoria ritrovata contro il Bologna e Inter che scavalca la Lazio prendendosi il terzo posto.

Google aggiunge la funzione storie alle pagine AMP

Che al momento è in fase di sperimentazione: sono al lavoro per creare esperienze interattive società come Pinterest e Booking . Le foto sono verticali e con poco testo: perfette per smartphone o tablet, forse meno per gli schermi di un pc.

Cagliari: ucciso a calci e pugni in un parco giochi per bambini

Le cause dell'aggressione non sono ancora chiare, tra le ipotesi c'è quella di una discussione legata all'acquisto di droga. L'uomo, infatti, non era in regola con i documenti ed è stato portato in caserma ad Aurisina per ulteriori accertamenti.

Francesco Monte beccato con la ex Cecilia Rodriguez

Sul suo ex fidanzato storico Francesco Monte , la sorellina di Belen e Jeremias afferma: "Non penso di dovergli spiegazioni". Certo che non l'ho comprata . "Tranquilli, è tutto sotto controllo ", ha scritto nel suo post su Instagram .

Intervento dei Vigili del fuoco di Novara per incendio sull'A4

Le fiamme si sono propagate anche ad un Fuoristrada parcheggiato a pochi metri che riportava lievi danni. Questo ha permesso di bloccare l'estendersi delle fiamme al resto del tetto.

OWWO X: Il clone economico dell'iPhone X

Naturalmente, trattandosi di un rumor, in questo momento non possiamo confermare quanto riportato da Bloomberg . Sembra che Google si stia preparando a copiare l'iPhone .

Maltempo, temporali e forte vento in arrivo: scatta allerta meteo gialla

Non si segnalano al momento, precisano i carabinieri di Portoferraio (Livorno), altre particolari criticità nel resto dell'isola. Le precipitazioni tenderanno ad attenuarsi anche al Sud , ma con ancora alcuni rovesci che potranno insistere sul basso Tirreno.

Ryan Murphy Netflix accordo, 300 milioni per 5 anni

Durante gli ultimi TCA 2018 Ryan Murphy aveva chiaramente espresso qualche dubbio sul fatto di rimanere sotto contratto con FOX . Questo accordo con Netflix , per Ryan Murphy, è una grandissima opportunità: ecco le sue dichiarazioni in proposito.

Parco Nebrodi, Antoci contro Musumeci: "Mia revoca segnale per certi ambienti"

Il senatore uscente Beppe Lumia , anche lui non ricandidato, parla della scelta di Musumeci come di un "regalo alla mafia" . Ancora una polemica per la revoca di Giuseppe Antoci alla guida del Parco dei Nebrodi con l'invio di un commissario.