• Notizia
  • Salute

Napoli, blitz antidroga alle Case Celesti: tre arresti

Napoli, blitz antidroga alle Case Celesti: tre arresti

Tre spacciatori sono stati arrestati dai carabinieri del Nucleo operativo della compagnia Stella nella piazza delle "Case Celesti", considerata roccaforte del clan Marino, a Secondigliano. Per i tre arrestati dalle forze dell'ordine l'accusa è quella di concorso di produzione e spaccio di stupefacenti.

Le indagini sono cominciate nello scorso mese di settembre: i carabinieri, con vari appostamenti, anche notturni, hanno così documentato l'accesso frequente dei tre fermati sul tetto di un palazzo dell'insediamento popolare. Così è stata installata una microcamera all'interno del ballatoio che dava nel tetto che gli ha ripresi tra il 5 e l'8 settembre scorsi. Le registrazioni acquisite a settembre hanno permesso di notare come, all'interno di un lungo cassone che scorreva su binari all'interno di una parete, i tre nascondevano cocaina, eroina, crack ed anfetamine, per un peso complessivo di 5 chilogrammi. Gennaro Montagna invece si è sempre occupato della vendita tra i sotterranei delle Case celesti: l'ultima volta che fu arrestato era luglio 2009.

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

Arresti a Bari per traffico rifiuti, pezzi auto in Africa e Asia

Tre imprenditori arrestati, quattro aziende e decine di mezzi pesanti sotto sequestro per un valore di quasi due milioni di euro. All'esecuzione del provvedimento cautelare hanno partecipato circa 50 carabinieri forestali con il supporto della Territoriale.

CASELLE - Trenta chili di sigarette in valigia: bielorusso denunciato

Giunto presso la sala arrivi, il viaggiatore, nel provare ad eludere i controlli, ha omesso di ritirare il proprio bagaglio da stiva.

Inter, applausi ironici verso il pubblico: multa in arrivo per Brozovic

Chiaro che il suo percorso terminerà con una partita dal primo minuto, vedremo se dal primo minuto già contro il Genoa ". Vittoria ritrovata contro il Bologna e Inter che scavalca la Lazio prendendosi il terzo posto.

Google aggiunge la funzione storie alle pagine AMP

Che al momento è in fase di sperimentazione: sono al lavoro per creare esperienze interattive società come Pinterest e Booking . Le foto sono verticali e con poco testo: perfette per smartphone o tablet, forse meno per gli schermi di un pc.

Cagliari: ucciso a calci e pugni in un parco giochi per bambini

Le cause dell'aggressione non sono ancora chiare, tra le ipotesi c'è quella di una discussione legata all'acquisto di droga. L'uomo, infatti, non era in regola con i documenti ed è stato portato in caserma ad Aurisina per ulteriori accertamenti.

Genova, la Sharden urta sulla banchina: squarcio sulla nave

Già da oggi sono cominciati i lavori di riparazione alla nave, che nel giro di pochi giorni sarà di nuovo operativa. Nessun problema per i passeggeri, che hanno però avvertito l'urto, nè per gli automezzi trasportarti nella stiva.

22 arresti e sequestri per 35 milioni di euro

Tali costi venivano poi equilibrati dai ricavi derivanti dall'emissione di fatture false di prestazione di manodopera. Tra i fermati anche un commercialista di Caserta .

Bloccato volo Firenze-Londra dopo telefonata anonima

L'imbarco dei passeggeri era già stato completato, quando una telefonata anonima ha avvisato che ci sarebbe stato "un problema". Il volo, il VY 06206 della Vueling , sarebbe dovuto partire da Firenze alle 14,05 diretto all'aeroporto di Londra Gatwick.

Cosa dicono i nuovi dati sugli sbarchi di migranti

Quelli provenienti dalla Libia sono stati 3.534, il 60,76% in meno rispetto al 2017 e il 42,28% in meno rispetto al 2016. Le nazionalità maggiormente rappresentate sono state Eritrea , Tunisia , Pakistan , Nigeria, Libia e Costa d'Avorio.

Parco Nebrodi, Antoci contro Musumeci: "Mia revoca segnale per certi ambienti"

Il senatore uscente Beppe Lumia , anche lui non ricandidato, parla della scelta di Musumeci come di un "regalo alla mafia" . Ancora una polemica per la revoca di Giuseppe Antoci alla guida del Parco dei Nebrodi con l'invio di un commissario.