• Notizia
  • Salute

Tirreno Power, 26 persone a processo per disastro ambientale e sanitario colposo

Tirreno Power, 26 persone a processo per disastro ambientale e sanitario colposo

Vado Ligure. Il giudice per l'udienza preliminare Francesco Meloni ha deciso nel pomeriggio di rinviare a giudizio i 26 imputati, tra dirigenti e membri del Cda di Tirreno Power.

Un primo passo verso la verità.

Ventisei tra manager ed ex manager di Tirreno Power saranno processati per le accuse di disastro ambientale e sanitario colposo. Andranno a processo diversi consiglieri di amministrazione e direttori di dipartimento e manager che hanno guidato Tirreno Power dal 2004 al 2014.

Lo ha stabilito ieri il giudice di Savona che ha accolto le richieste del rinvio a giudizio della Procura ligure al termine di un'inchiesta su 427 morti per malattie respiratorie e cardiovascolari definite sospette, verificatesi tra 2000 e il 2007.

Le perizie parlano di oltre 2mila ricoveri di adulti per malattie respiratorie e cadiovascolari tra il 2005 e il 2012 che si presume siano dovute alle emissioni della centrale.

L'inchiesta si era conclusa il 17 Giugno 2015, con 86 indagati e con il sequestro della centrale di Vado Ligure.

"Il rinvio a giudizio è un passaggio obbligato dopo un decennio di indagini e imputazioni che si sono progressivamente alleggerite". E il processo, prosegue la nota "sarà l'occasione per fare finalmente chiarezza su una vicenda in cui alcuni consulenti tecnici della procura sono gli stessi che avevano chiesto la chiusura dell'impianto a carbone e le cui metodologie sono già state sconfessate in altre sentenze".

I legali delle parti civili, comitati e associazioni ambientaliste, che sono state ammesse al processo, hanno espresso la loro soddisfazione.

Per la Tirreno Power lo studio del CNR non dimostra alcuna la relazione tra emissioni della centrale a carbone e morti premature, visto che le emissioni considerate erano solo gli ossidi di azoto che incidevano per una piccolissima percentuale nei contenuti dell'aria della zona. "Tirreno Power - conclude la nota stampa - è impegnata con le amministrazioni locali per un futuro di lavoro e di sviluppo del territorio nel quale continuerà a operare con la centrale alimentata a gas a Vado Ligure e con gli impianti idroelettrici sugli Appennini delle regione". Per questo al prossimo governo ricordiamo l'urgenza di un cambio di rotta nella politica energetica di questo Paese con atti concreti e un impegno reale.

Santo Grammatico, presidente di Legambiente Liguria e l'avvocato Stefano Bigliazzi, presidente del Centro di azione giuridica di Legambiente Liguria, aggiungono: "Siamo fiduciosi che il dibattimento dimostrerà la fondatezza delle accuse". Medicina Democratica spera che che si costituiscano parte civile anche le istituzioni locali che non lo hanno ancora fatto: "Se questo non dovesse avvenire sarebbe inspiegabile - ha detto Loschi - tutti i rappresentanti delle popolazioni esposte sono anche coloro che poi dovranno intervenire economicamente per curare le persone ammalatesi per colpa di questa esposizione".

Lascia il tuo commento


Ultime notizie

Ultime notizie



Consigliato

La Corrida riparte da Carlo Conti: "Uguale a 50 anni fa"

Dopo la scomparsa di Corrado , Gerry Scotti (2002-2009) seguito poi da Flavio Insinna (2011) ripresero il programma di Corrado . Si tratta di cantanti, ballerini, barzellettieri, rumoristi, maghi, poeti, acrobati, giocolieri, trasformisti, circensi, etc.

Meteo Campania: ancora tempo instabile. Ecco le previsioni per il week-end

Instabilità diffusa attesa per domenica con deboli precipitazioni sparse sia al mattino sia al pomeriggio su tutto il territorio. Stato del tempo: irregolarmente nuvoloso con tendenza ad ampie schiarite.

Kahn contro Buffon: 'Non capisce che è il momento di smettere'

E lo fa con toni duri, criticando la scelta del suo ex collega che ha deciso di giocare fino a 40 anni. Lahm ad esempio se n'è andato nel momento migliore, per questo consiglio a Buffon di smettere.

In Italia centrale oltre 85.000 terremoti dal 2016 a oggi

Il sindaco di Muccia, Mario Baroni , ha commentato la scossa parlando di "grande paura e insicurezza tra le persone". Secondo l'elenco dell'Ingv, sono state due le scosse con magnitudo 3.5, mentre le altre sono comprese da 2 a 2.6.

Anticipazioni Una Vita: trame delle puntate dal 16 al 21 Aprile 2018

Durante la prossima settimana assisteremo ai preparativi per la partenza di Cruz , il giovane che Celia ama segretamente. Victor intanto si sta comportando stranamente con Maria Luisa che sta pensando di non essere più amata dal giovane.

Franco Terlizzi a Striscia conferma la versione di Eva Henger

Ma credo che questo spaventi. "Quelli come me fanno paura perché non si vendono e quindi non si gestiscono facilmente". Si parlerà ancora di canna -gate o con la fine del reality l'argomento verrà 'insabbiato' definitivamente? .

Mps vanta crediti per 10 mln verso 13 partiti

Mps si e' liberato di 8,2 milioni di questi crediti con la cessione e la cartolarizzazione delle sofferenze. Se la Fondazione non saldera' il suo debito, il Parco La Quercia andrà all'asta .

Maltempo, violenta grandinata a Pavia e nellʼest Milanese

Impressionante il colpo d'occhio nella città di Pavia dove strade, prati, auto, tetti, si sono imbiancati come avesse nevicato. I chicchi non stati particolarmente grossi, ma essendo fittissimi, si sono presto accumulati al suolo.

Real-Juve, espulso giornalista italiano dalla tribuna dopo il rigore: mostrava banconote

Al minuto 0.12 si nota Taveri che mostra alcune banconote ai tifosi di casa, in seguito al dubbio rigore assegnato ai Blancos.

Passeggeri dei treni regionali narcotizzati e rapinati: banda in manette

Si trattava sempre di stranieri, lavoratori in regola con il permesso di soggiorno, che fanno la spola tra Napoli e la Capitale. Gli accertamenti hanno avuto inizio dopo che sui treni sono stati trovati alcuni viaggiatori immersi in un sonno profondo.